Piano di Sorrento, anche Pasquale D’Aniello lascia Ruggiero

Stampa
Pasquale D'Aniello

Pasquale D’Aniello

PIANO DI SORRENTO – Con una lettera protocollata oggi pomeriggio e indirizzata al Sindaco Giovanni Ruggiero, al Capogruppo Antonio Russo, al Presidente del Consiglio comunale Luigi Maresca e alla Segretaria comunale Deborah De Riso, l’ex assessore Pasquale D’Aniello ha formalizzato la decisione di costituirsi consigliere indipendente nel civico consesso.
“Tale decisione, a lungo meditata e sicuramente sofferta, scaturisce dalle vicende e dalle vicissitudini politiche che hanno caratterizzato almeno l’ultimo anno di amministrazione, passando attraverso una lunga crisi della maggioranza risoltasi con la mia estromissione dalla Giunta quale soluzione ritenuta necessaria e sufficiente per rilanciare l’azione di governo.
Il sottoscritto, pur non condividendo la decisione del Sindaco e del resto della maggioranza, non soltanto non si è opposto, ma ha ritenuto di dover verificare se tale scelta si fosse poi realmente tradotta in un cambio di passo utile a far uscire il Sindaco, la Giunta e la maggioranza dalla crisi in cui versava e versa. Ciò per rispetto dell’istituzione e dell’interesse dei Cittadini che vengono prima di ogni altro e anche se certe scelte hanno inevitabilmente mortificato la mia persona.

PERCHE’ E’ FALLITO IL SECONDO MANDATO DI RUGGIERO

Tanto più se si sono dimostrate errate e pertanto frutto di una cattiva o strumentale lettura del grave impasse e disagio in cui vive questa maggioranza quasi dal giorno delle elezioni. In tutto questo periodo non solo si è aggravata la situazione di crisi e di difficoltà politico-amministrativa della Giunta e della Maggioranza, come è evidente agli occhi di tutti, ma si sta assistendo a un progressivo deterioramento della Maggioranza stessa premiata dagli elettori di Piano di Sorrento, ma ormai evidentemente incapace di assolvere al proprio compito in un crescendo di disaffezione della gente verso la politica in generale e soprattutto in un contesto di non-amministrazione della nostra Città.
Tutto ciò ha fatto soltanto crescere a dismisura il mio disagio, personale ancor prima che politico, sulla qualità e sulla prospettiva di questa esperienza amministrativa che, sin dal nascere, è stata evidentemente condizionata da una serie di interessi confliggenti al proprio interno per la successione alla carica di sindaco stante l’impossibilità di Ruggiero a ricandidarsi dopo il secondo mandato”.

IL MIO VOTO SOLO PER GLI ATTI DI INTERESSE DEI CITTADINI

“Alla luce di quanto sopra evidenziato, giudico allo stato esaurito il mio senso di appartenenza a questa maggioranza per cui annuncio di costituirmi consigliere indipendente ritenendomi di fatto svincolato dagli impegni e dagli atti che saranno proposti dalla maggioranza. Tali atti e/o altri che dovessero essere presentati mi riservo di valutarli singolarmente e di votare quelli che giudicherò realmente rispondenti agli interessi di Piano di Sorrento e della Cittadinanza tutta cui ritengo di dovere il massimo rispetto.
Ciò servirà almeno a poter ricostruire, libero da condizionamenti e vincoli di maggioranza, un rapporto con quell’elettorato che pure ha vissuto come una ingiustificata mortificazione la mia esclusione dalla Giunta quasi che fossi il responsabile unico del non-governo o del cattivo governo del Paese. Da semplice e libero consigliere comunale potrò e saprò sviluppare e/o sostenere ogni iniziativa amministrativa che riterrò coerente con i programmi e con la mia visione dei problemi del Paese certo di dare sempre il mio disinteressato contributo alla crescita e al buon nome di Piano di Sorrento”.