Sorrento perde il suo Tribunale, la Corte Costituzionale dice no al referendum

Stampa

tribunale sorrentoE’ definitivo, Sorrento perde il suo Tribunale e tutta l’attività giudiziaria trasloca a Torre Annunziata. Così ha deciso la Corte Costituzionale dichiarando inammissibile la richiesta di un referendum abrogativo, proposto da alcune Regioni, della  legge varata dal Governo Monti in materia di riforma della geografia giudiziaria in nome del contenimento della spesa. Vengono aboliti oltre mille uffici in tutta Italia tra le proteste di dipendenti, cittadini e avvocati. La riforma è entrata in vigore il 13 settembre scorso. Per la spending review Monti aveva deciso la riduzione e l’accorpamento di 37 tribunali sui 165 esistenti, di 38 procure e la soppressione di tutte le 220 sezioni distaccate di tribunale. Qualche giorno fa, sempre in materia di gisutizia, si era registarta la nomina del giovane avvocato sorrentino Pasquale Damiano a nuovo segretario dell’Ordine degli Avvocati di Torre Annunziata, carica per la prima volta ricoperta da un avvocato della Costiera.