Sant’Agnello, sulla viabilità l’Assessore Castellano è incalzato da Cappiello

Stampa
Antonino Castellano

Antonino Castellano

VIABILITA’ IN TILT, ASSESSORI CONTRO A PIANO E SANT’AGNELLO

SANT’AGNELLO – Altro che patto intercomunale per la viabilità e razionalizzazione della mobilità in Costiera. Per Antonino Castellano, assessore al corso pubblico della cittadina amministrata da Pietro Sagristani, si tratta di venire a capo dei problemi del traffico che non hanno superato la prova del nove. Nè ha retto più di tanto il tentativo del Sindaco di giustificare i gravi problemi insorti addossando le colpe alla congestione automobilistica causata dalle festività natalizie. Così la “messa in mora” per Castellano è arrivata dal collega assessore di Piano di Sorrento, il vice sindaco Salvatore Cappiello, che con una lettera gli ha chiesto ufficialmente di revocare i provvedimenti adottati per ripristinare la vecchia viabilità dalla Ripa di Cassano verso Sant’Agnello. In mancanza Cappiello è deciso a intervenire unilateralmente rimuovendo il divieto di accesso che all’altezza di Villa Fondi devia il traffico su Via delle Rose.

Giovanni Ruggiero

Giovanni Ruggiero

BRACCIO DI FERRO CASTELLANO-CAPPIELLO E I SINDACI STANNO A GUARDARE

Praticamente in aut aut per Castellano che dovrebbe rimangiarsi la bontà di un provvedimento rivendicato fino all’ultimo e che sarebbe stato ispirato proprio dall’Amministrazione pianese per ragioni di sicurezza, ma di fatto scaricando su Castellano e su Sant’Agnello le colpe della congestione cronica che ha colpito la Penisola Sorrentina, complice anche i numerosi cantieri di lavori in corso. Per Cappiello si tratta di uscire dall’angolo di una situazione che è divenuta insostenbile e le pressioni su Castellano sono forti. Quest’ultimo si troverebbe però ad incassare un fallimento che, di fatto, darebbe ragione alle critiche mossegli dall’Opposizione in ripetute occasioni.

Pietro Sagristani

Pietro Sagristani

Per di più con la colpa di aver sprecato qualche decina di migliaia di euro per un esperimento su cui si nutrivano forti perplessità sin dall’inizio e che ora è prossimo a decadere. Cappiello però non ne vuole sapere e manda a dire chiaro e tondo a Castellano di procedere, altrimenti è pronto a fare da solo. Nè a mediare tra i due sembra possano intervenire i primi cittadini, Sagristani e Ruggiero, che da tempo ormai non vantano rapporti idilliaci. Anzi proprio Ruggiero sta soffrendo il movimentismo politico di Sagristani che ha contaminato la stessa maggioranza pianese dove due assessori e un consigliere si rifanno ormai apertamente proprio al movimento fondato dal sindaco di Sant’Agnello e sono pronti a dar vita a un gruppo autonomo nella maggioranza.

TRASPORTO PUBBLICO A PIANO: PROROGA ALLA CURRERI SRL

Restando in tema di mobilità a Piano di Sorrento l’Amministrazione ha prorogato per l’ennesima volta l’affidamento del trasporto pubblico locale alla ditta Autolinee Curreri Srl che gestirà il servizio fino al Marzo in attesa di espletare la gara. Anche su questa vicenda si addensano nubi per le contestazioni da più parte mosse all’Amministrazione di Ruggiero proprio a causa delle continue proroghe del servizio su cui è stata presentata anche una denuncia all’Autorità Giudiziaria da una ditta concorrente. Insomma in materia di mobilità e trasporto pubblico non c’è proprio da stare allegri. Unico Comune a dare risposte concrete sembra essere Sorrento che ha isituito servizi alternativi al trasporto ferroviario risolvendo gravi problemi di studenti e lavoratori della Penisola Sorrentina che possono così usufruire di un efficiente trasporto bus quotidiano di andata e ritorno grazie all’intervento del consigliere Massimo Coppola ( NCD).