Piano di Sorrento, Pasquale D’Aniello e la novità della Lega Sorrentina

Stampa
Giuseppe Cuomo, Pasquale D'Aniello, Pietro Sagristani

Giuseppe Cuomo, Pasquale D’Aniello, Pietro Sagristani

La presentazione dello Sporting Club della MSC a Sant’Agnello è stata anche un momento di incontro della politica peninsulare che in queste settimane è attraversata da varie fibrillazioni e vive un processo di transizione verso nuove forme aggregative e formule alla ricerca soprattutto di nuovi equilibri e di rinnovate strategie per lo sviluppo del territorio. In questo senso l’iniziativa dei Sindaci Piergiorgio Sagristani (Sant’Agnello) e Giuseppe Cuomo (Sorrento) è riuscita a toccare più direttamente coloro che, fortemente legati al territorio peninsulare, hanno salutato con entusiasmo la nascita di questo movimento auspicando che possa non solo aggregare, ma anche promuovere sviluppo e nuova competitività dell’area.

Fra i primi ad aderire alla Lega Sorrentina a Piano di Sorrento troviamo Pasquale D’Aniello, ex assessore della giunta-Ruggiero e oggi consigliere di maggioranza, che evidenzia “...l’importanza di lavorare insieme a livello intercomunale sui progetti in grado di promuovere sviluppo e di dare risposte concrete ai cittadini…Questo Movimento nasce con questa finalità per cui mi sento di aderirvi con entusiasmo insieme agli altri Amministratori peninsulari e ai colleghi di Piano di Sorrento che come me ne condividono i principi ispiratori. Dobbiamo superare logiche strettamente municipali per ragionare invece in termini sovraccomunali, per cui questa iniziativa non può che guadagnarsi ampi e trasversali consensi in tutta l’area…“. Con D’Aniello ci sono anche gli Assessori Vincenzo Iaccarino e Daniele Acampora interessati ad animare l’iniziativa politica destinata a smuovere le acque nell’unico Comune della Penisola Sorrentina dove, al momento, il primo cittadino non ha ancora operata una scelta come invece hanno fatto gli altri cinque colleghi peninsulari. La decisione di questi Amministratori potrebbe rivelarsi utile a rianimare la politica a Piano di Sorrento da troppo tempo soppiantata da un impegno civico che, oggi, non ha più ragione d’esistere.