Dal PD di Renzi parte la sfida per la “politica nuova” anche sui territori

Stampa
Paolo Trapani vota alle primarie del PD a Piano

Paolo Trapani vota alle primarie del PD a Piano

Le primarie del Partito Democratico con il successo di Matteo Renzi hanno mobilitato anche la Penisola Sorrentina in un esercizio di democrazia che si è confermato in sintonia col resto del Paese e che quindi non può e non deve restare confinato nell’ambito di una giornata, tanto più alla luce di quanto ha dichiarato a caldo il neo segretario del partito. A questo punto ci si aspetta dalla nuova dirigenza territoriale del Partito Democratico un’iniziativa pubblica degna di questo nome, che riunisca iscritti e simpatizzanti per animare un confronto aperto in grado di trasformarsi in un impegno concreto per cambiare la politica sulla base di un progetto condiviso tra i tanti che si sono resi partecipi di questa novità.

Lucia Gargiulo con i consiglieri A. Coppola e P. Gnarra (S.Agnello)

Lucia Gargiulo con i consiglieri A. Coppola e P. Gnarra (S.Agnello)

Disperdere quest’entusiasmo o normalizzarlo, come sempre è avvenuto per gli anni passati lasciando in mano ai soliti noti la politica del PD, significa perdere forse l’ultima chance per creare un ambito di partecipazione democratica alternativo a quello del centro-destra anche nella Costiera. Oggi il PD peninsulare può contare su una rappresentanza fatta di nuovi segretari di circolo che, come per esempio è avveuto a Sant’Agnello, hanno riacceso l’interesse alla partecipazione. I Sindaci che hanno deciso di aderire, a Meta e a Massa Lubrense, devono fare altrettanto, giocare cioè un ruolo propositivo insieme a Luca Mascolo primo cittadino di Agerola che con Franca Rossi segretaria di Vico Equense  sono stati candidati con Renzi e quindi rappresentano un riferimento diretto per queste nuove politiche del territorio. Lo stesso dicasi per Antonella Paturzo, candidata con Civati e già componente dell’Assemblea Nazionale, così come l’esperienza di Stefania Astarita e la determinazione di Amalia Durazzo devono coniugarsi nel sostegno a questo nuovo progetto di partito e di società. L’entusiasmo organizzativo di Lucia Gargiulo a Sant’Agnello ha rianimato la politica locale altrimenti appiattita sull’unica proposta del centro destra con la Lega Sorrentina varata dai sindaci Pietro Sagristani e Giuseppe Cuomo.

Nicola Mollica

Nicola Mollica

Un PD nelle mani di Nicola Mollica è di garanzia per tutti e rappresenta un’occasione per ricostruire l’identità e la rappresentanza di una forza politica che a Meta ha radici, storia! A Sorrento Franky Mauro e Alessandro Schisano in particolare hanno il compito di guidare il nuovo corso impegnando gli altri Amministratori che aderiscono al progetto, Luigi Mauro e Rosario Fiorentino, a esserne interpreti efficienti ed efficaci. Anche a Piano di Sorrento, e lo si è visto in occasione del dibattito sulle mozioni, il consigliere Antonio D’Aniello ha le carte in regola per costruire il nuovo protagonismo politico e socio-culturale del PD oggi diretto da un giovane segretario, Passaro, che dovrà aprire il circolo alle istanze del territorio assicurandogli agibilità politica. Insomma, si colga questa opportunità e si costruisca il futuro per incidere in modo serio e costruttivo sui Comuni che rappresentano il vero terreno su cui realizzare il confronto politico e dare risposte adeguate alle aspettative dei cittadini attraverso l’impegno e l’assunzione di responsabilità di una nuova classe dirigente!