Rosario Fiorentino e la politica amministrativa a Sorrento. La Giunta vara una maxi-manovra

Stampa
Rosario Fiorentino

Rosario Fiorentino

SORRENTO – In un consiglio comunale condizionato dai tragici fatti accaduti (il suicidio di due coiniugi) le questioni più scottanti sono state rinviate. Rosario Fiorentino commenta l’accaduto e denuncia la criticità del progetto di intesa delle liste civiche. “Ieri in consiglio “lento ” nel senso che, giunta la notizia della tragica dipartita degli zii del consigliere Mariano Gargiulo, la conferenza dei capigruppo ha riformulato l’ordine del giorno. Il regolamento della tares e le tariffe per il 2013, la nomina dei componenti della commissione paesaggio, la svendita dei beni patrimoniali per mantenere il patto di stabilità e la discussione sul piano sociale di zona con l’approvazione di alcuni debiti fuori bilancio ma prima il voto su due gemellaggi di San Pietroburgo e con la Cina. Ai margini polemica sull’incompatibilità del dott. Acampora.

Oggi parte l’esposto. Un parere monco, superficiale e non richiesto dell’avvocatura del Comune. Il silenzio omertoso della segretaria su un conflitto di interesse grande come una montagna..Chiesto il rinvio dell’argomento sul Vallone del Mulino che è stato accolto quasi come un fatto liberatorio almeno per alcuni consiglieri comunali di maggioranza. Si sfaldano sul nascere i buoni propositi per un avvicinamento delle liste civiche visto che ciò che viene discusso poi viene sistematicamente disatteso. Troppe divergenze sulle cose da fare. Continua il confronto con la lista capeggiata da Federico Gargiulo e Stiven Scarpati. Qualche giorno fa la Giunta comunale ha approvato una consistente variazione di bilancio di previsione dell’esercizio finanzaiario 2013 pari a 843.923,41 euro.  “Si tratta semplicemente di una distribuzione diversa dei capitoli, che non corrisponde quindi ad un aumento delle spesa – sottolinea il sindaco di Sorrento, Giuseppe CuomoLa manovra è infatti una variazione tecnica, mirata a correggere alcune maggiori spese. In particolare, quelle di energia elettrica per la pubblica illuminazione, pari a quasi 150mila euro. Su questo argomento avevamo già dato incarico al nostro energy manager di individuare un nuovo gestore. A partire dal primo novembre scorso abbiamo stipulato un contratto che ci permetterà di risparmiare sulla bolletta e di monitorare, a scadenza trimestrale, i consumi”.
Tra le altre voci figurano, oltre a quelle di funzionamento, anche il Piano sociale di Zona, l’acquisto di materiali didattici per le scuole, manifestazioni del programma invernale di eventi e segnaletica stradale, in vista dei previsti lavori di asfaltatura, nel mese di aprile, su molte strade cittadine. Il provvedimento dovrà essere ratificato dal Consiglio comunale dove si preannuncia un confronto serrato sui contenuti della maxi-manovra.