Nuove strategie per il turismo, l’appello di Gaetano Mastellone

Stampa
Gaetano Mastellone

Gaetano Mastellone

I fatti di cronaca che hanno riportato, come all’epoca dell’emergenza rifiuti, la Campania alla ribalta delle cronache nazionali per la gravissima emergenza sanitaria connessa alla contaminazione ambientale nella “Terra dei Fuochi“, hanno provocato una serie di reazioni anche tra gli operatori che hanno condannato l’attacco mediatico di cui è diventata vittima la Campania. Su FB il manager sorrentino Gaetano Mastellone ha lanciato un appello per un’Allenza strategica deiComuni della Penisola Sorrentina in nome del turismo e del commercio che pubblichiamo con l’auspicio che possa stimolare un confronto anche in considerazione del fatto che proprio giovedì 21, a Meta, si è svolto un meeting sulle prospettive del turismo della Campania con la partecipazione dell’Assessore regionale Pasquale Sommese.

Scrive Mastellone: “Facciamo dell’ospitalità, dell’accoglienza, della mobilità, della vivibilità, del benessere l’asse centrale di un’azione di governo coordinato e condiviso da tutti i Comuni della Penisola Sorrentina.  Prepariamo un Programma-Progetto (personalmente di idee ne ho!) sui cui far ruotare tutto lo sviluppo del nostro bel Territorio.  Il turismo, nonostante tutti ne parlano, anche nelle varie campagne elettorali, continua a restare senza una pianificazione, ripeto, condivisa.  Il Turismo in penisola sorrentina è di tutti!  Il Turismo non è di destra, né di sinistra, né di centro, è di tutti.  Il Turismo è di traino anche per il Commercio e per il benessere di gran parte della popolazione.  Sull’ipotesi di sviluppo di questo settore si devono trovare più elementi di condivisione che di divisione, sui quali costruire una serie di opportunità anche per i nostri giovani. Dobbiamo farlo, dobbiamo creare un benessere diffuso in quanto dopo anni di crisi recessiva la situazione è di assoluta decadenza.
Lo dobbiamo fare anche per l’assenza di programmazione Regionale, Provinciale ed in certo modo anche locale”.