Piano di Sorrento, il resoconto del Consiglio comunale nella versione del “palazzo”

Stampa
Graziano Maresca e Giovanni Ruggiero

Graziano Maresca e Giovanni Ruggiero

PIANO DI SORRENTO – Il Consiglio comunale svoltosi ieri – 27 novembre 2013 – e concluso in tarda notte, offre molti spunti di riflessione per quanto discusso e per gli interventi che si sono ascoltati (male per l’audio intermittente. E’ legittimo cheidersi: ma con tanti soldi che si spendono, che cosa ci vuole a investire 5/6 mila euro per garantire un servizio video-audio efficiente e all’altezza che consentirebbe ai cittadini di assistere decentemente, ndr) e che meritano una riflessione. Intanto vi proponiamo i comunicati diramati dall’Ufficio Stampa: l’intervento del Sindaco Giovanni Ruggiero su Villa Fondi e il riepilogo della seduta consiliare. Per  i commenti un post a parte!

Ruggiero su Villa Fondi
È un atto politico. È stato pensato e ripensato, condiviso e confrontato ed è l’unico vero motivo che ci impone stasera di pronunciarci sull’argomento di cui tanto si è parlato, discusso, polemizzato: Villa Fondi.
È un atto politico per affermare in premessa che è volontà di questa Amministrazione garantire che il “gioiello di famiglia” è e rimarrà patrimonio comune e fruibile nei suoi spazi e nelle sue bellezze, e soprattutto valorizzare la sua vocazione naturale a centro di circolazione di idee e cultura.
È un atto politico perché è compito di un’Amministrazione ritornare ai suoi compiti principali:
–          ascolto del territorio e della gente, che questa Amministrazione non ha mai fatto mancare
–          riconoscere e confermare le radici e l’identità del suo patrimonio a tutti i livelli
–          far fiorire proposte che tengono conto di tutti gli aspetti che riguardano la gestione della “cosa” pubblica, anche negli aspetti che riguardano la gestione economica
–          riportare la discussione in un contesto di “partecipazione e condivisione” ma anche di serenità e obiettività
–       e alla fine di tutto ciò decidere: perché sia chiaro a tutti che al termine dei lavori di ristrutturazione di Villa Fondi – e non mi sembra che sia un pensiero solo mio – la gestione non può più essere come prima.
È un atto politico per ribadire con forza che il nostro compito è stato, è e sarà valutare tutte le proposte che arriveranno.
Rimando con forza al mittente tutte le voci, le illazioni e i pettegolezzi di quelli – pochi a dire il vero – che, scegliendo la strada del pregiudizio e della polemica, hanno fatto emergere false verità: accordi sottobanco, volontà di “golpe”, svendita o vendita del patrimonio comunale e altro. Lo ripeto tutto ciò è falso.
Noi non mettiamo al rogo le idee ma, in un confronto sereno, valutiamo pubblicamente quello che abbiamo già detto informalmente: questo progetto – e ripeto questo progetto – non può ricevere l’imprimatur della pubblica utilità perché in molti aspetti (spazi, obiettivi, gestione economica) non soddisfa i nostri obiettivi sia di gestione economica che di spazi.
Qualcuno ha parlato di privati “speculatori e avidi”. Io invece voglio rimarcare la positività di un territorio che, in un tempo di crisi e di paure, ha coraggio, idee e risorse per investire in progetti. Non tutti sono condivisibili o compatibili, ma guai se si volesse demonizzare chi ha – e lo ripeto – coraggio, idee e risorse per scommettere e anche di saper eventualmente perdere in quello che si chiama “rischio d’impresa”.
È un atto politico per confermare la nostra volontà a istituire una commissione che abbia obiettivi di ascolto, analisi e proposte.
È la sfida che parte dal Consiglio comunale e sarà mia cura personale stimolare e motivare un lavoro che, partendo dalle premessa e dalla vocazione della struttura, possa valorizzare tutti i tesori di Villa Fondi.
È un atto politico dire che io “ci credo” e chiedo ai Consiglieri comunali, dopo aver fatto le proprie valutazioni e dichiarazioni, di crederci con me, perché la protesta diventi proposta, i limiti un’opportunità, la condivisione un’idea concreta…

RESOCONTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 27 NOVEMBRE 2013 (a cura dell’Ufficio Stampa del Comune)

Antonio D'Aniello

Antonio D’Aniello

In apertura di seduta sono state discusse le mozioni presentate dai Consigliere di Minoranza Anna Iaccarino e Antonio D’Aniello. Non approvata la prima mozione di Anna Iaccarino sulla rivisitazione dell’ubicazione dei plessi scolastici (15 presenti; assenti Vincenzo Iaccarino e Vincenzo Parlato; contrari all’approvazione 11; favorevoli all’approvazione 3 Giovanni Iaccarino, Rachele Castellano, Anna Iaccarino; astenuto Antonio D’Aniello). Nel corso della discussione l’Amministrazione comunale ha fatto presente che è stata già definita la disposizione dei plessi e che è in corso di svolgimento il concorso di progettazione relativo al plesso scolastico di Via Carlo Amalfi. Sono state approvate le successive due mozioni del consigliere D’Aniello, la prima finalizzata alla riduzione della spesa per la fornitura elettrica (approvata all’unanimità dei presenti; assente Vincenzo Iaccarino) e sull’impegno alla costituzione dell’Ufficio “Progettazione europea” per la ricerca di bandi e progetti per finanziamenti europei (approvata all’unanimità dei componenti del Consiglio).

Villa Fondi (fotoeweb.it)

Villa Fondi (fotoeweb.it)

Analizzata la questione del project financing sulla gestione di Villa Fondi. Il Consiglio ha dichiarato la mancanza del pubblico interesse relativamente al progetto dei privati. Nella delibera approvata si fa presente che tale progetto «non rientra tra gli indirizzi programmatici generali dell’Amministrazione in quanto gli interventi proposti e le modalità di gestione non sono compatibili con la destinazione e la fruizione della struttura che l’Amministrazione stessa intende realizzare». Sarà presentata e discussa nel prossimo Consiglio Comunale la delibera relativa alla composizione di una Commissione ah hoc per valutare ed eventualmente presentare proposte di gestione della struttura (approvata all’unanimità dei presenti; assenti Anna Iaccarino e Pasquale D’Aniello).

Esito negativo all’istanza presentata dalla Società Margherita s.a.s relativa al cambio di destinazione d’uso del primo livello del parcheggio a box pertinenziale a parcheggio pubblico a rotazione (deliberazione assunta all’unanimità dei presenti; assenti Salvatore Cappiello, Pasquale D’Aniello, Rosa Russo).

ternaApprovato il protocollo d’intesa per il riassetto della rete di alta tensione che permetterà il potenziamento della rete elettrica della Penisola Sorrentina. È stato stabilito di modificare il percorso dell’elettrodotto proposto dalla Terna s.p.a.: le strade del territorio comunale interessate dall’intervento saranno alcuni tratti di Via Legittimo, Via Mortora San Liborio, Via Meta-Amalfi (Statale 163) e Via Lavinola, evitando il tratto posto in corrispondenza dell’edificio scolastico di Via delle Acacie, nonché Via Cavone e Via dei Platani perché interessate da recenti interventi di manutenzione dei sottoservizi e del manto stradale. Inoltre il Consiglio Comunale ha stabilito di richiedere alla Terna s.p.a. l’impegno al successivo rifacimento del manto stradale delle strade interessate e a garantire il rispetto dei limiti di emissione e di esposizione ai campi elettrici e magnetici a tutela della salute della popolazione (astenuti i consiglieri Giovanni Iaccarino, Antonio D’Aniello, Anna Iaccarino, Rachele Castellano e Vincenzo Parlato, assente Pasquale D’Aniello, favorevoli i restanti consiglieri presenti).

immobiliDeterminati anche i criteri di assegnazione degli immobili acquisiti al patrimonio comunale in quanto abusivi: è stato recepito il comma 65 dell’art 1 della legge regionale n.5 del 6 maggio 2013 secondo cui tali immobili «possano essere destinati prioritariamente ad alloggi di edilizia residenziale pubblica, di edilizia residenziale sociale (…) nonché dei programmi di valorizzazione immobiliare anche con l’assegnazione in locazione degli immobili destinati ad uso diverso da quello abitativo o a programmi di dismissione immobiliare». Il Consiglio Comunale ha stabilito inoltre che nell’assegnazione degli immobili si adotterà un criterio di precedenza a favore di coloro che al tempo dell’acquisizione occupavano l’immobile. Nel corso della seduta il Consiglio Comunale ha stabilito, infine, che i criteri suddetti saranno applicati agli abusi commessi posteriormente all’entrata in vigore della legge regionale 5/2013 (5 astenuti, 15 favorevoli, assenti Pasquale D’Aniello e Rosa Russo).

Il Consiglio Comunale si è pronunciato anche in merito alla determinazione di alcune tasse e tariffe comunali. In merito alla TARES il Consiglio Comunale non ha

Daniele Acampora

Daniele Acampora

approvato la proposta del Consigliere Anna Iaccarino che prevedeva una rivisitazione della quota fissa relativa alle utenze non domestiche delle tariffe del Tributo comunale sui Rifiuti e sui Servizi. È stata, invece, approvata la modifica al regolamento TARES che prevede una riduzione del 13,50% nella parte fissa e nella parte variabile della tariffa per le utenze non domestiche particolarmente colpite dalla nuova tariffazione. La copertura dell’agevolazione per l’anno 2013 verrà iscritta in Bilancio come autorizzazione di spesa (15 presenti, 14 favorevoli, assenti Pasquale D’Aniello e Rosa Russo, astenuta Anna Iaccarino). Ha dichiarato l’Assessore Acampora: «L’ultima seduta di Consiglio ha rappresentato l’occasione per riassumere le operazioni adoperate dall’Assessorato e dagli Uffici competenti relativamente alle tasse con le quali i cittadini si trovano a dover fare i conti. E, con il dovuto studio, siamo riusciti a contenere e, in tanti casi, a ridurne il peso economico. Per quanto riguarda l’IMU l’aliquota di base sulla seconda casa è stata ridotta dal 10,10% al 9,9%. Naturalmente, per la prima casa si fa riferimento al provvedimento nazionale reso noto nella giornata del 28 novembre che prevede l’abolizione parziale dell’IMU. Non abbiamo aumentato l’addizionale comunale dell’Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) che rimane allo 0,7% e, infine, in Consiglio comunale è stata approvata la modifica al regolamento TARES che prevede una riduzione del 13,50% nella parte fissa e nella parte variabile della tariffa delle 4 categorie di utenze non domestiche maggiormente colpite, oltre alle modalità di risparmio attraverso il progetto di pesatura a campione dei rifiuti gestito dalla Società PenisolaVerde già approvate con la delibera n°242 del 5/11/ 2013.  La copertura dell’agevolazione per l’anno 2013 pari  a 50.850 €, verrà iscritta in Bilancio come voce di spesa. Una scelta ben precisa dell’Amministrazione a favore dei contribuenti e dei cittadini. Inoltre sempre in tema di TARES a breve sarà pubblicato il bando di agevolazione per le utenze domestiche per il quale verranno stanziati 20.000 € per le famiglie».

In merito all’IMU il Consiglio Comunale approva la conferma dell’aliquota del 0,4% per l’abitazione principale e le relative pertinenze nonché le relative detrazioni; per gli immobili non adibiti ad abitazione principale la misura dell’aliquota è stata stabilita nella misura del 0,99% (15 presenti, 5 contrari, 10 favorevoli, assenti Pasquale D’Aniello e Rosa Russo). Confermata l’aliquota dell’addizionale IRPEF nazionale nella misura dello 0,7% (15 presenti, 5 contrari, 10 favorevoli, assenti Pasquale D’Aniello e Rosa Russo).

Approvato per l’anno 2013 il programma annuale degli incarichi di collaborazione autonoma (15 presenti, 5 contrari, 10 favorevoli, assenti Pasquale D’Aniello e Rosa Russo.

cittàIl Comune di Piano di Sorrento aderisce, infine, alla Giornata mondiale delle Città per la vita – Città contro la pena di morte dando l’assenso all’inserimento di Piano di Sorrento nella lista delle Città per la vita. Come gesto simbolico, a testimonianza dell’impegno morale assunto, il 30 novembre in occasione della Giornata internazionale “Cities for Life” il Monumento ai Caduti posto in Piazza Cota verrà illuminato. Il Comune di Piano di Sorrento inoltre ha aderito all’iniziativa di sostegno per la realizzazione di un Monumento che celebri la ricorrenza del Bicentenario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri con l’erogazione di un contributo straordinario di 200€ e l’equivalente di un gettone di presenza di una seduta consiliare da parte dei Consiglieri comunali, del Sindaco e degli Assessori.

Rimandata al prossimo Consiglio comunale la discussione relativa all’elenco annuale 2013 e al programma triennale delle opere pubbliche 2013/2015.