Sorrento, polemiche per la tensostruttura al parcheggio Lauro. Commercio in subuglio

Stampa

tensostrutturaSORRENTO – Ormai proteste e contestazioni all’indirizzo dell’operato delle pubbliche amministrazioni prendono corpo e si sviluppano sui social divenuti un’agorà micidiale nel quale si misurano posizioni e tensioni, riflessioni e accuse più o meno velate che denunciano un malessere dilagante che qualche preoccupazione dovrebbe suscitarla nella classe politica. Da quando il Comune ha pubblicizzato l’idea di trasformare per 90 giorni l’area superficiale del Parcheggio Lauro in una tensostruttura, si sono susseguite le diverse opinioni sull’operazione che, alla fine, incontra una vasta e crescente opposizione nella cittadinanza.

Su FB Carlo Pane propone un aggiornamento sull’operazione col risultato di scatenare una serie di interventi. Scrive Pane: “Aggiornamento sul parcheggio Lauro. L’8 Novembre sarà montata la tensostruttura e resterà lì per 90 giorni. Il Comune incasserà le decine di migliaia di euro di occupazione di suolo pubblico o sarà il solito regalo ad amici ed ex amministratori? Ci sono molti, moltissimi punti che non tornano ed i commercianti di Piazza Lauro sono preoccupati per concorrenza sleale nelle vendite, come già avviene in molti casi con i mercatini di Piazza Veniero a Natale . A meno che “l’ente fiera” non preveda vendite dirette, ossia un ente aperto solo agli addetti al settore. In tal caso, perchè metterlo nel cuore di Sorrento? che si usi una zona periferica; ancora, perchè la struttura non la noleggia il Comune, anzichè favorire i soliti privati che ruotano intorno a questi eventi?Inoltre, il Comune dovrebbe cacciare altri 30.000 per una manifestazione natalizia (ma non era a costo zero?) Ci sono ancora molti punti non chiari, sto preparando una nota più dettagliata. E’ vero, un turismo fieristico è ottimo d’inverno e può avere buoni indotti, ma non va fatto in questo modo, lucrando, come sempre, sul Comune, profittando di “posizioni dominanti“.