Sant’Agnello, Liberi e Uguali: “Il Sindaco è in crociera, si convochi subito il consiglio”

Stampa
Gian  Michele Orlando

Gian Michele Orlando

SANT’AGNELLO – Lo scontro questa volta la maggioranza sembra esserselo cercato visto che non ha ottemperato nei termini di legge alla convocazione del Consiglio comunale chiesto dall’Opposizione con una mozione per votare una riduzione della TARES, la tariffa su rifiuti e servizi che tanti grattacapi sta procurando agli amministratori locali e vessazioni a cittadini e imprese. Il Gruppo “Liberi e Uguali“, costituito da Antonino Coppola, Pietro Gnarra e Gian Michele Orlando ha presentato questa mattina un esposto diffida al Presidente del CC, Maria De Martino, a procedere alla convocazione ad horas del civico consesso. Spiegano i Liberi e Uguali: “Il nostro Gruppo consiliare ha presentato un esposto-diffida al Presidente del Consiglio Comunale di Sant’Agnello ed al Prefetto di Napoli per non aver convocato nei termini previsti dalla legge il Consiglio Comunale su una proposta della minoranza di modifica delle tariffe TARES“. 

foto(2)Tali tariffe erano state approvate dalla amministrazione Sagristani in due sedute del consiglio comunale, la prima del 22 agosto 2013 e la seconda del 30 settembre 2013 prevedendo un aumento medio per le abitazioni civili di circa il 50%. Nell’ultima seduta i consiglieri di minoranza avevano anticipato una loro mozione avente per oggetto proprio la modifica della TARES per ricondurla ai più bassi valori degli anni scorsi. “Avevamo anticipato al Consiglio Comunale che avremmo presentato una nostra proposta che dimostrava come si può rispettare la legge senza aumentare le tariffe perle abitazioni – dichiara Orlando –“…ad oggi pur essendo trascorsi i venti giorni previsti dalla norma non è stato ancora convocato il consiglio comunale ed addirittura stanno arrivando ai cittadini le cartelle della TARES con ingiustificati quanto considerevoli aumenti. E’ un fatto grave che denota mancanza di rispetto non solo per la minoranza consiliare quanto e soprattutto per i cittadini. Il nostro Sindaco è in vacanza con la famiglia su una bella nave da crociera mentre i nostri cittadini devono fare i conti con queste cartelle pazze. Spero che il vicesindaco Accardi ed il presidente del Consiglio Comunale De Martino in assenza del Sindaco prendano in mano la questione e la affrontino con la determinazione e l’attenzione che tale argomento merita. Non è possibile decidere con tanta leggerezza di questioni che toccano pesantemente le tasche delle nostre famiglie peraltro in questo particolare momento economico e l’ente comunale deve fare appieno la sua parte”.