Mobilità in Costiera, tre Assessori istituiscono un tavolo di studio permanente

Stampa
Antonino Castellano

Antonino Castellano

La crisi della mobilità in Costiera determinata dai provvedimenti adottati congiuntamente dalle Amministrazioni di Piano di Sorrento e di Sant’Agnello potrebbe aver innescato un processo utile in termini di pianificazione delle politiche del traffico a livello intercomunale. Va letta in questo senso l’iniziativa annunciata dai tre Comuni di Sant’Agnello, Piano di Sorrento e Meta con l’istituzione di un tavolo permanente preposto a monitorare il fenomeno e a individuare le soluzioni ottimali in modo concertato. Antonino Castellano, assessore al corso pubblico di Sant’Agnello su cui erano ricadute le principali responsabilità e critiche per un piano praticamente voluto da Piano di Sorrento, ha mantenuto la promessa di voler coordinare l’iniziativa dei vari Comuni per dare risposte e soprattutto soluzioni adeguate a quella che è un’emergenza cronica sempre più grave per le conseguenze che provoca sotto molti punti di vista. Queste le dichiarazioni dei tre assessori al corso pubblico:

Salvatore Cappiello

Salvatore Cappiello

«Durante la riunione – dichiara Salvatore Cappiello di Piano di Sorrento – siamo giunti alla determinazione di istituire un tavolo permanente per il monitoraggio e la risoluzione delle tematiche inerenti al sistema di traffico. Proporremo nuove soluzioni non solo ai nostri ma anche agli altri Comuni della Penisola».
L’intento è unire le prospettive come sottolinea anche l’Assessore al Corso Pubblico del Comune di Sant’Agnello Antonino Castellano: «È sicuramente un primo passo per iniziare a vedere la viabilità non solo dal punto di vista del singolo Comune ma in una visione d’insieme con tutti i Comuni della Penisola, obiettivo perseguibile grazie anche all’ottimo rapporto interpersonale tra gli attuali Assessori di competenza».

Giuseppe Tito

Giuseppe Tito

Finalità condivisa anche da Giuseppe Tito, Assessore al Corso Pubblico del Comune di Meta: «Ritengo che questa sia l’occasione giusta per discutere insieme seriamente le problematiche relative alla viabilità. Ben vengano queste iniziative, ci auguriamo che questo sia solo l’inizio e che si avviino tavoli di confronto intercomunali anche su altre tematiche».