Piano di Sorrento, Gigi Salvi: “basta con l’assistenzialismo, ma Cappiello ha detto no!”

Stampa

gigi salvi e ruggieroPIANO DI SORRENTOGigi Salvi affida il suo “sfogo” a FB per denunciare una situazione che, a suo avviso, mortifica la voglia del mondo disabile di fare impresa, di non essere semplicemente assistito, anzi di acquistare sul campo e alla pari con gli altri i propri diritti. Riferendosi all’Amministrazione comunale di Piano riferisce dell’opposizione riservata dal vice sindaco Salvatore Cappiello alla sua iniziativa. “Cari amici e non, stasera vi scrivo per raccontarvi la storia di “quel Progetto”, al quale non hanno creduto, e lo racconto dato che alcuni amici mi hanno invitato ad essere sempre me stesso e a dire sempre ciò che penso. Qualche mese fa, ho proposto all’Amministrazione di scorporare il parcheggio di via Cavottole dalle strisce blu, visto che devono fare il nuovo bando, dato che ora stanno in regime di proroga e non potrebbero, perché le proroghe si danno quando c’è la pubblica utilità. Ma torniamo al progetto, che consisteva nell’affidamento diretto o tramite bando, del suddetto parcheggio, a coop sociali.

Salvatore Cappiello

Salvatore Cappiello

Ho fondato un Consorzio di Coop, al quale deve partecipare chi vuole, basta che abbiano finalità mutualistiche, proprio per questo. Cappiello ha detto no allo scorporo e mi ha chiesto cosa sarebbe cambiato? Punto primo, siamo l’unico paese in penisola ad avere accorpati i parcheggi con le strisce blu, ma il vero cambiamento èe che lo avrebbero gestito dei disabili con delle persone “normali”. Che meraviglia l’integrazione! L’amico Nunzio mi chiama l’imprenditore carrozzato, questo vorrei essere ,”l’imprenditore sociale carrozzato“. I disabili non vogliono più l’assistenzialismo, ma vogliono camminare con le proprie gambe e vogliono credere nella loro esistenza”.