Berlusconi, la Giunta pronuncia il si alla decadenza dal Senato

Stampa
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

ROMA – La Giunta per le Autorizzazione a procedere dela Senato ha votato la decadenza di Silvio Berlusconi dal Senato in esecuzione della sentenza definitiva della Cassazione nel processo per frode fiscale che ha condannato l’ex premier a 4 anni di reclusione (di cui 3 condonati per l’indulto) e all’ interdizione da pubblici uffici per 5 anni (ma la Cassazione dovrà ricalcolarla al ribasso). Ora la parola passa all’aula del Senato che, entro 20 giorni, dovrà votare la decadenza. All’indomani della resa dei conti interna al PdL per Berlusconi è iniziato il percorso che lo condurrà all’uscita dal Senato con l’obbligo di scontare la pena (ai domiciliari o ai servizi sociali se ne farà richiesta  ecome appare più probabile). Di ricandidatura difficilmente se ne potrà riparlare e per il centro-destra, dove si continuano a consumare le vendette interne fra gli schieramenti di falchi e colombe, si è aperta la strada alla successione.

Commento di Mauro e Giannini (Repubblica)