Amministrare a Sorrento, campa cavallo….

Stampa
di Enrico Aprea

Chi potrà mai credere che gli amministratori di Sorrento hanno la volontà e le capacità di affrontare e adottare decisioni importanti per il bene dei cittadini? E’ solo grazie alla loro negligenza che fino ad oggi non abbiamo avuto nessun miglioramento dei servizi, nessuna riduzione di tasse, nessuna riduzione di bollette, nessuna riduzione del costo del ticket per la sosta auto, nessuna sicurezza in più per la nostra persona e per i nostri beni, nessun vantaggio per i diversamenti abili, nessun miglioramento del problema casa per i meno fortunati, nessun vantaggio ecologico, nessun miglioramento ambientale, nessun incremento del patrimonio arborio ma continui ed illegali tagli di alberi…

nessuna riduzione del tasso di inquinamento del mare, nessun vantaggio da riduzione dei danni provocati da elettromagnetismo, nessuna riduzione del disagio acustico provocato dal traffico caotico, nessuna riduzione dello schiamazzo notturno, nessuna valorizzazione dei beni comunali ma solamente svendite e cessioni gratuiti degli stessi ad amici e parenti, nessun miglioramento e garanzie future riguardanti il percorso scolastico-formativo degli studenti sorrentini, nessuna maggiore trasparenza in moltissimi provvedimenti adottati, nessun sicurezza del posto di lavoro, nessun serio impegno contro il fenomeno dell’abusivismo edilizio, nessuna acquisizione al patrimonio comunale di manufatti abusivi, nessuna certezza del rispetto delle norme di igiene da parte di molti operatori che somministrano cibi e bevande, nessuna salvaguardia delle coste, nessun rispetto del codice della navigazione infranto dal rilascio di concessioni demaniali di aree sottratte ai cittadini sulle quali sono state concesse autorizzazioni di attività di balneazione, anche in zone vietate per pericolo di crollo del sovrastante costone tufaceo mettendo a rischio l’incolumità pubblica e privata. L’unica decisione coerente e meritevole sarebbe quella di chiedere scusa ai cittadini per i danni commessi per incapacità di governare e per le tante risorse sprecate in feste, manifestazioni inutili ed elargizione di contributi di favore rimettendo di tasca propria ciò che serve se vogliono rimanere a mal governare la Città o tornarsene a casa da sconfitti di se stessi, ma mai avere il coraggio di chiedere ai cittadini di pagare per i loro errori. Purtroppo, conosco bene il detto “ Campa cavallo …”.