Villa Fondi, non arriva la lettera promessa dal Sindaco al Comitato Civico

Stampa
Assemblea Comitato Civico

Assemblea Comitato Civico

PIANO DI SORRENTO – Il Comitato Civico “Villa Fondi Bene Comune” incalza il Sindaco Giovanni Ruggiero che aveva promesso l’invio di una lettera con la quale formalizzava la rinuncia a portare in consiglio comunale il project financing presentato da alcuni privati guidati dal manager turistico Michele Guglielmo e la nomina di una Commissione preposta a esaminare la soluzione più vantaggiosa per l’Ente relativa alla gestione pubblica della struttura. A nome del Comitato Civico la professoressa Mariella Nica ha inviato la seguente nota al Sindaco: “La sottoscritta Maria Nica, a nome e per conto del Comitato Civico Villa Fondi Bene Comune, fa presente che, come da impegno pubblicamente assunto in data 9 settembre 2013 nella seduta pubblica presso il Centro Culturale di Piano di Sorrento, dove la S.V. aveva annunciato l’invio di una comunicazione scritta sugli impegni presi dall’Amministrazione in merito alla questione “Villa Fondi bene Comune”, a tutt’oggi tale comunicazione non è ancora pervenuta. 

Pertanto, dovendo il Comitato Civico Villa Fondi Bene Comune procedere a una nuova convocazione dell’assemblea dei Cittadini e delle Associazioni, si resta in attesa della Sua nota scritta. La suddetta comunicazione potrà essere inviata o all’indirizzo email della sottoscritta che è mariellanica@gmail.com, oppure al seguente indirizzo: Agrozoomarket piazza della Repubblica, 9 – Piano di Sorrento“. Intanto è stata indetta una nuova Assemblea delle Associazioni in programma per Martedì 24 Settembre al Centro Culturale, alle ore 19.00, cui seguirà una petizione popolare dal 27 al 29 settembre. Nella maggioranza a guidare il fronte del no alla trattativa col Comitato sarebbe il vice sindaco Salvatore Cappiello che, senza uscire allo scoperto, muove le fila del dissenso e contrasta la linea d’apertura del Sindaco. Sembra però conquistare spazio l’idea di non arrivare a uno scontro frontale, controproducente anche sul piano dell’immagine per l’Amministrazione comunale. Intanto si cerca di capire qualcosa di più dei conti reali di gestione della Villa su cui non sembrano esserci dati certi. Del resto per prendere in considerazione una qualsiasi proposta, spiegano dal Comitato, non si può prescindere da un esame dettagliato dei costi di gestione sostenuti realmente dal Comune e dalle mancate entrate. Se dovesse prevalere la linea della privatizzazione non è escluso il ricorso a una vera e propria denuncia alle Autorità per scoprire quale vero business si nascende dietro quest’operazione che non ha i requisiti del “pubblico interesse” come ampiamente è stato dimostrato. Intanto è stata annullat l’annunciata conferenza (La necropoli di Trinità a Piano di Sorrento), in programma per il 21 alle 18.30 al Centro Culturale acura di Tommasina Budetta, responsabile della Sovrintendenza ai BB.AA. per il Mueso “G. Villet” a Villa Fondi, che era stata tirata in ballo nell’assemblea per conoscere il suo orientamento nei riguardi dell’iniziativa dei privati.