Ruggiero, su Villa Fondi ogni discussione e valutazione spetta al Consiglio

Stampa
Giovanni Ruggiero

Giovanni Ruggiero

PIANO DI SORRENTO – Il Sindaco Giovanni Ruggiero scrive al Comitato Civico “Villa Fondi Bene Comune” nel rispetto degli impegni assunti in sede di Assemblea pubblica: “Facendo seguito all’incontro tenutosi la sera del 9 settembre u.s. in cui ho assistito ad una viva, attiva ed accesa partecipazione in merito a Villa de’ Sangro di Fondi, bene del Comune e comune, da parte delle associazioni locali e di numerosi cittadini, prendendo atto delle istanze della comunità ritengo opportuno, a nome di tutta l’Amministrazione, bloccare la negoziazione e la decisione in ordine al discusso progetto di inizialiva prlata, presentato all’incirca un anno fa, riguardante l’ammodernamento e la gestione di Villa Fondi e del suo parco, demandando al onsiglio Comunale ogni discussione e valutazione di pubblica utilità in ordine alla proposta di cui trattasi. Mi preme, però, sottolineare che quanto finora svolto dall’Amministrazione in merito al citato progetto e, owiamente, la stessa iniziativa privata hanno un preciso fondamento normativo nell’art. 153 del D. Lgs. 16312006 s.m.i., specificamente nel comma 19 che consente la presentazione da parte di privati di proposte relative alla rcalizzazione di lavori pubblici corredate dalla documentazione prescritta per legge e legittima l’Ente ad aprire una fase di negoziazione in vista dell’eventuale dichiaruzione di pubblica utilità.Fase quest’ultima fino ad oggi ancoru in itinere e che quest’Amministrazione ha voluto iniziare proprio per poter valutare in tutti i dettagli, i risvolti e gli effetti nel tempo di una decisione così importante, che scalzaogni possibile illazione in ordine a presunti o paventati accordi “a latere” , Ciò premesso, nulla osta alla costituzione di una commissione composta da rappresentanti dell’amministrazione e del costituito comitato civico secondo i criteri e le modalità che il consiglio comunale riterrà opportune, fermo restando la legittima facoltà di valutare proposte, anche di iniziativa privata, che siano tali da garantire la piena fruibilità pubblica di Villa Fondi e la sua naturale ed estinaziondei centroc ulturale della Penisola Sorrentina”.