Sorrento e la politica delle chiacchiere!

Stampa
di Alessandro Schisano*

Alessandro Schisano (PD)

Alessandro Schisano (PD)

Il programma elettorale dovrebbe rappresentare un “patto” con i cittadini. Ma è cosa risaputa: purtroppo non lo leggono in tanti durante la campagna elettorale e quasi nessuno se ne ricorda dopo. E’ per questo motivo, che ho provato a rileggere quello dell’attuale Amministrazione sorrentina “tirando fuori” alcune cose. Così, per farsi un’idea di cosa era stato detto e scritto. Partiamo dalla premessa del programma che è (scusate il gioco di parole) già tutta un programma:
“Il presente programma non è l’elenco delle buone intenzioni, elaborato per carpire il voto agli elettori, ma manifesta la consapevolezza delle esigenze e dei bisogni di Sorrento […]”. Dopo questa premessa non si può non analizzare qualche punto del programma, giusto per comprendere quanti “dei bisogni di Sorrento” siano stati poi effettivamente soddisfatti.
Di seguito, tra virgolette, trovate il testo estrapolato dal programma elettorale dell’attuale maggioranza (al momento mi sono limitato a quattro punti):
1. “E’ priorità di questa amministrazione di realizzare la struttura per il “Centro Anziani” entro i primi mesi di governo”. Impegno non mantenuto. Ad oggi non è stata nemmeno espletata la gara di appalto. Il Comune continua a pagare un fitto di circa 30.000 euro all’anno per dei locali considerati non adeguati da chi li frequenta.
2. “La città dovrà presentarsi ordinata, pulita ed accogliente, con strade e marciapiedi in perfette condizioni di usufruibilità, pulizia e ricche di verde e di fiori. La riparazione stradale e dei marciapiedi (in alcuni casi anche in ipotesi di straordinarietà) dovrà essere oggetto di attenta e costante cura e non bisognerà lesinare alcuno sforzo per raggiungere e mantenere tale risultato”. Qui non voglio infierire. Ciascuno potrà giudicare se in questi tre anni questo impegno sia stato mantenuto o abbia rappresentato una priorità.
3. “Priorità assoluta è la ristrutturazione del plesso scolastico Vittorio Veneto”. Anche su questo punto c’è poco da dire. Ad oggi non è stato ancora validato il progetto esecutivo, nonostante i lavori siano “parzialmente” iniziati.
4. “La politica delle uscite sarà invece ispirata ad un ponderato utilizzo delle risorse, riflettendo in modo responsabile sulle priorità. Grande attenzione verrà posta alla riduzione della spesa corrente, salvaguardando la qualità e gli acquisti più vantaggiosi”. Su questo punto mi soffermerò un attimo in più. La spesa corrente è essenzialmente la somma di tutte quelle spese che riguardano il normale funzionamento dei servizi comunali, che non produce un aumento o un miglioramento del patrimonio del Comune. Ad esempio rappresentano spesa corrente i costi del personale, quelli per l’acquisto di beni e servizi e gli interessi passivi sui mutui.
Lasciamo a questo punto spazio ai numeri. Di seguito troverete, infatti, l’ammontare della spesa corrente degli ultimi anni:
Anno 2009: Euro 21.482.281,46
Anno 2010: Euro 23.130.819,57 (attuale amministrazione in carica da fine Marzo 2010)
Anno 2011: Euro 23.056.384,15
Anno 2012: Euro 23.191.509,46
Anno 2013 (previsione bilancio ancora non approvato): Euro 25.135.446,18
E’ ovvio che un aumento della spesa corrente potrebbe anche significare un aumento dei servizi ai cittadini e della loro qualità ma, sinceramente, voi ve ne siete accorti?
A tal proposito passiamo ora ad esaminare alcuni capitoli che riguardano la spesa corrente e la loro evoluzione nel tempo, in particolare quello della macrospesa “turismo” (in buona parte per “manifestazioni ed eventi turistici”.) Volendo mettere insieme alcuni interventi nel bilancio comunale dal 2009 al 2012 questa è la situazione:
Anno 2009: Euro 765.500,00
Anno 2010: Euro 708.000,00 (attuale amministrazione in carica da fine Marzo 2010)
Anno 2011: Euro 1.028.000,00
Anno 2012: Euro 1.318.000,00 (+72% circa rispetto al 2009)
E meno male che volevano ridurre le spese ed essere ponderati nell’utilizzo delle risorse! (1 – continua)

* Consigliere Comunale PD Sorrento