Movimento 5 Stelle, a Sorrento iniziativa contro la privatizzazione del “Parcheggio Lauro”

Stampa

SORRENTO – Su FB è un tam tam senza soste e tra i maggiori propulsori di iniziative targate 5 Stelle troviamo Raffaele Ferraro, avvocato sorrentino, che sta chiamando a raccolta aderenti e simpatizzanti del Movimento di Beppe Grillo per scongiurare la privatizzazione del Parcheggio Lauro.
Ferraro titola il suo ultimo intervento, questa mattina, con: “Il bene pubblico non si vende: contro il pizzo parcheggio” e spiega: “Io focalizzerei due punti della questione: il primo punto riguarda lo scongiurare che un bene pubblico passi nelle mani dei privati. L’altro punto, a mio parere importante e che inquadra la vicenda in una dimensione più ampia della mobilità generale sul territorio, è senza dubbio l’aspetto della speculazione sull’esigenza della sosta da parte dei comuni nei confronti degli automobilisti.

Questo punto che è di natura più marcatamente economica va affrontato e va portato avanti in questa occasione per ottenere la sosta gratuita per i residenti. D’altronde ci interessa difendere il parcheggio anche per questo motivo.
Ci interessa difenderci da privati che potrebbero aumentare tariffe ed impedire a più di noi l’utilizzo di una bene che è di tutti. Poi ci interessa usufruire del bene senza farci spennare dall’Amministrazione comunale. Io avevo pensato a 70 posti auto da destinare con sosta massima gratuita per vettura di due ore giornaliere. Di Prisco pensava ad una riduzione del 50% delle tariffe per i residenti. Dimostreremo in questo modo che un bene pubblico non può essere usato per togliere ai cittadini ma al contrario per dare. Ma credo che questi aspetti verranno descritti e discussi nell’incontro.

Tenete presente che l’aspetto economico è un segnale forte per noi cittadini e che togliere questa vera gabella sulla sosta oggi più di ieri significa tanto. E’ un segnale forte che potrebbe avere riflessi sull’intera questione della sosta sul territorio.Vorrei ribadire inoltre che affidare il parcheggio ai privati può comportare un aumento dei costi delle tariffe. Inoltre poco importa che si tratti di privato o tanti cittadini associati se la musica è sempre la stessa e i costi della sosta rimangono sempre così alti. Noi vogliamo la sosta gratuita