Sant’Agnello/Piano di Sorrento: rivoluzione della circolazione stradale

Stampa

SANT’AGNELLO – La rivoluzione del traffico voluta dall’Assessore al Corso Pubblico Antonino Castellano in questi giorni sta producendo i primi effetti ad ingorgo nelle aree interessate dai nuovi sensi di circolazione istituiti, d’intesa con il Comune di Piano di Sorrento, per tutelare la sicurezza dei pedoni nel tratto di strada compreso tra Via Ripa di Cassano da Via delle Rose, per la via dell’ascensore, fino al confine con Sant’Agnello dove ebbe a verificarsi il gravissimo incidente il 29 dicembre 2012 all’incrocio di Via Iommella Grande in cui perse la vita la signora Carmela D’Alessio.

“Tale decisione – sottolinea il Comandante Marco Porreca, funzionario responsabile del VI Settore al Comune di Piano di Sorrento – è scaturita dalla stretta collaborazione tra il Comandi di Polizia di Piano di Sorrento e Sant’Agnello e con le relative Amministrazioni comunali al fine di migliorare la circolazione veicolare e tutelare l’incolumità degli utenti deboli della strada come pedoni e ciclisti».
Sul fronte di Sant’Agnello l’Assessore Castellano ha proposto alla Giunta, che l’ha approvata, la seguente modifica dei sensi di circolazione stradale sulle arterie urbane:

VIA IOMMELLA GRANDE:

– istituzione del senso unico di marcia in direzione via F.S. Ciampa, dal confine con il Comune di Piano di Sorrento all’incrocio con via F.S. Ciampa;
– su via P. Zancani (incrocio Iommella Grande) istituzione del divieto di svolta a sinistra e del senso obbligato di marcia in direzione via F.S. Ciampa;
– realizzazione di percorso pedonale delineato dall’incrocio con via P. Zancani (in direzione Piano di Sorrento) e fino al tratto di restringimento della strada;

VIA SAN SERGIO

– nel tratto di strada tra l’incrocio con il C.so Italia con via F.S. Ciampa l’istituzione del doppio senso di circolazione con una diversa disciplina sulle intersezioni di detta strada e una rimodulazione della sosta;

VIA CAPPUCCINI

– sospendere il provvedimento di istituzione del senso unico per tutti gli utenti sul primo tratto della strada.

Di prendere atto che per l’attuazione di quanto sopra occorre in via previsionale una spesa presuntiva di complessivi € 13.300,00 già prenotata al num 272/2013 con creditore da sistemare, art. 183 TU 267/2000 E.S.M.I.

L’iniziativa di adottare un provvedimento utile ad accrescere la sicurezza per i pedoni nel tratto di strada che da Sant’Agnello conduce a Piano di Sorrento per la via dell’ascensore è sicuramente meritoria, ma occorre evidenziare le criticità che vengono a crearsi su Via Ciampa in particolare all’altezza con Via Iommella Grande dove insiste un plesso scolastico che inevitabilmente determinerà una congestione della viabilità alla riapertura delle scuole producendo altrettanti effetti anche sul Corso Italia lungo l’accesso attraverso via San Biagio.

Intanto sono in corso lavori di modifica dell’aiuola spartitraffico posta al centro dell’incrocio di Via Ciampa con Via San Sergio, evidentemente per agevolare il doppio senso di marcia istituito su questo tratto di strada dove si intende modificare la segnaletica (orizzontale e verticale) di stop lungo Via Ciampa e che  era stata concepita con l’intento di rallentare la percorrenza su questo rettilineo pericoloso. Stop che non vengono mai rispettati dagli automobilisti per cui si rischia di provocare incidenti anche gravi.

Si presume che l’Assessore Castellano abbia attentamente studiato gli effetti che questi provvedimenti produrranno avranno sulla mobilità e sulla sicurezza, valutando anche di installare rallentatori di traffico. Allo stato i disagi appaiono consistenti e producono conseguenze sulla viabilità a Piano di Sorrento nell’area di Piazza Mercato dove si creano costanti ingorghi dovuti anche alla permanenza in forma stabile di venditori ambulanti che restringono la carreggiata con i loro mezzi e con le loro esposizioni di mercanzia.

Sui problemi della mobilità in Costiera abbiamo ricevuto numerose segnalazioni da parte dei lettori, ma anche denunce e proposte che vogliamo riepilogare in un successivo post con l’auspicio che sia utile ad evidenziare agli Amministratori locali e ai Comandi di Polizia Municipale alcune situazioni meritevoli di attenzione e di interventi anche solleciti. (1 – continua)