Sant’Agnello, l’assessore Castellano nel mirino dell’Opposizione su Tarsu e Viabilità

SANT’AGNELLO – Hanno lasciato appena trascorrere il ferragosto e poi sono passati all’attacco dell’Assessore Antonino Castellano finito nel mirino del Gruppo di Opposizione, guidato da Antonino Coppola (capogruppo) con Gian Michele Orlando e Pietro Gnarra, su due questioni molto delicate: l’aumento della Tarsu e il caos viabilità unito al problema sicurezza stradale.
Con due interrogazioni a firma dei tre Consiglieri e che saranno discusse nella prossima adunanza del Consiglio comunale si chiedono spiegazioni all’Assessore sul sostanzioso aumento della tassa sui rifiuti proposta e approvata nell’ultimo consiglio comunale e sul funzionamento del nuovo dispositivo traffico.
Ma procediamo con ordine. Scrivono i tre esponenti dell’opposizione: “Nella seduta del Consiglio Comunale del 5 agosto u.s. i sottoscritti Antonino Coppola, Pietro Gnarra e Gian Michele Orlando dando credito alle argomentazioni giustificative dell’aumento del costo del servizio di igiene urbana comunale da Lei prodotte in quella sede hanno votato favorevolmente alla approvazione del piano finanziario 2013 della TARES. Facendo però una verifica negli uffici comunali (cosa pienamente legittima per un consigliere comunale) non sembra che il forte aumento del costo del servizio da un anno all’altro sia giustificato dalle semplici motivazioni da Lei addotte.

Pertanto, considerato che il costo dell’intero servizio previsto dalla precedente  amministrazione per il 2012 era di €. 1.452.963 euro mentre con la nuova amministrazione tale costo raggiunge per il 2013 l’esorbitante cifra di 1.685.413 (con un aumento di circa il 20%  a fronte di una inflazione programmata pari all’1,5%)”. A questo punti i Consiglieri chiedono a Castellano di volerci veder chiaro su questo aumento di circa il 20% dei costi  i sottoscritti e chiedono di conoscere “…Ie motivazioni puntuali di tale aumento comparando, anche con l’ausilio di dettagliati prospetti analitici, le voci di costo per l’anno 2012 con quelle  per l’anno 2013?

Un aumento di circa 332mila euro da un anno all’altro, soprattutto in considerazione del record assoluto conseguito su questo fronte dall’Amministrazione-Orlando, legittima le perplessità dell’opposizione che è particolarmante impegnata sul fronte della riduzione degli oneri che gravano sui bilanci familiari. Da che cosa scaturisce questo aumento e perchè lo dovrà spiegare l’assessore Castellano ai tre agguerriti esponenti della minoranza che con un’altra interrogazione urgente portano in Consiglio comunale anche la questione più scottante del momento, quella della viabilità interna modificata dalla Giunta comunale e che tante polemiche sta suscitando.

Evidenziano i Consiglieri: “Uno dei punti qualificanti della azione amministrativa del gruppo consiliare “Liberi ed Uguali per Sant’Agnello” è la sicurezza. La sicurezza della città e dei cittadini, che negli ultimi mesi è messa davvero in discussione. Infatti anche Sant’Agnello, come altri Comuni della nostra penisola, è teatro di episodi di microcriminalità: furti negli appartamenti e furti di ciclomotori o auto è oramai all’ordine del giorno della cronaca locale ed anche i giornalisti più “compiacenti” non possono tacere questa emergenza.

E’ di qualche ora fa il furto in pieno giorno ed in pieno centro cittadino di una auto mentre non si contano più oramai i furti quotidiani di ciclomotori e negli appartamenti e tutto ciò mentre sono in servizio nel nostro Comune ben quattro vigili urbani aggiuntivi. A questo problema di sicurezza della città se ne aggiunge un altro più endemico ma non per questo meno pericoloso che è quello della sicurezza delle nostre strade cui si aggiunge la persistente incuria nella manutenzione delle caditoie che ha già creato problemi di allagamento del Corso Italia nei giorni scorsi.

E’ sempre di qualche ora fa infatti l’ennesimo episodio di incidente che ha visto coinvolti i nostri pedoni su una strada, come quella di via M.B.Gargiulo, che ha gli stessi problemi di strade come Iommella Grande il cui senso unico sta creando non pochi problemi non fosse altro per il senso di marcia che dovrebbe essere naturalmente al contrario. Infatti  l’attuale senso di marcia:

1.    Non rimuove la causa principale del gravissimo incidente mortale avvenuto qualche mese fa che è quella che il sole che in alcuni periodi dell’anno letteralmente acceca chi percorre tale strada in salita
2.    Non agevola il deflusso del traffico da Sant’Agnello
3.    Crea due pericolosi incroci (uno con via Ciampa e l’altro con via Zancani)
4.    Ha lo stesso verso di via Iommella Piccola
5.    Rende più difficile il parcheggio delle auto lungo via Iommella Grande

All’Assessore Castellano l’Opposizione chiede quattro cose:
- quali iniziative intende porre in essere per affrontare in maniera concreta:
- la questione della sicurezza contro la microcriminalità
- la questione della sicurezza dei pedoni in particolar modo su via M.B.Gargiulo
- la questione della viabilità su via Iommella Grande
Chiedono altresì quali sono le intenzioni dell’Amministrazione comunale per quel che riguarda la viabilità su via Cappuccini, su via S.Martino e sul perché si intende riproporre a doppio senso  proprio e soltanto via S. Sergio“.