Piano di Sorrento, il retroscena della revoca delle deleghe assessoriali a Rossella Russo

Stampa

PIANO DI SORRENTO – La decisione del sindaco Giovanni Ruggiero di revocare dopo neanche qualche settimana dal conferimento due “deleghe pesanti“, quali sono l’edilizia privata e il condono edilizio, all’assessore Rossella Russo è la conseguenza dell’approdo in Giunta di Salvatore Cappiello che ha imposto una “rivoluzione” negli uffici con il cambio di 4 addetti, tra UTC e Vigili Urbani, al servizio di controllo urbanistico e repressione dell’abusivismo edilizio.
Personale afferente direttamente alle deleghe della Russo che ha dovuto “subire” il cambio voluto da Cappiello con personale di sua più stretta fiducia. La Russo, considerata la delicatezza dei due settori, non ha però voluto subire la decisione del collega e vice sindaco e ha preferito rinunciare a entrambe le deleghe lasciando al Sindaco di “giustificare” la revoca con un’improbabile “incompatibilità professionale” dell’Assessora, ma che è apparsa subito come la più classica delle excusatio non petita, accusatio manifesta.

Ruggiero ha preso atto della decisione della Russo che “ereditava” le deleghe da un altro collega sanzionato dalla coppia Ruggiero-Cappiello, l’assessore Vincenzo Iaccarino, che per la verità non si mai occupato di questo settore nevralgico per l’Ente che, come ha dichiarato qualche giorno fa alla stampa il consigliere Gianni Iaccarino, da sempre è foriero di grandi consensi elettorali.

La Russo ha dimostrato di non essere disposta a subire i dictat dall’alto e si è comportata di conseguenza, disertando anche i lavori dell’ultima giunta. Sembra così materializzarsi la necessità di un riassetto della maggioranza, dove ormai si registrano diverse crepe, allargandola al gruppo di Gianni Iaccarino ormai da tempo dichiaratosi disponibile a dar man forte a Ruggiero purchè in un contesto chiaro: praticamente con un posto in giunta!

In tal senso le recenti prese di distanza dalla ex collega di elezioni Anna Iaccarino e le reiterate dichiarazioni a difesa dell’Assessore Francesco Gargiulo sulla questione della regolamentazione dei chioschi fanno di Gianni Iaccarino il candidato naturale a dar man forte a Ruggiero per formare l’accoppiata vincente della prossima tornata elettorale a fianco di Cappiello. Ora per il Sindaco si tratta di persuadere Alberto Maggio a rinunciare alla poltrona di assessore per far posto all’accordo.

La poltrona disponibile è, ovviamente, quella dell’assessore Vincenzo Iaccarino cui il Sindaco ha rinnovato l’incarico ma per il tempo strettamente necessario a realizzare le “larghe intese carottesi“.