Mattinata ecologica, pulizia dei fondali marini a Sorrento

Stampa

Hanno cominciato questa mattina alle 8 lavorando fino alle 13 i sub volontari che, guidati da Carlo Pane, hanno ripulito il fondale marino della spiaggia San Francesco a Sorrento portando a riva una cospicua mole di rifiuti. Impresa video-documentata da Diego Ambruoso sotto l’occhio vigile del nostro collega Alberto Cascone.
Una giornata di sole, una bellissima domenica giugno, turisti e residenti che si godono il mare della Marina Piccola a Sorrento. In questo scenario idilliaco si è svolta la “Pulizia dei fondali”, un’iniziativa lanciata da alcuni giovani sorrentini che muniti dell’attrezzatura e delle imbarcazioni di supporto necessarie, hanno trascorso la loro mattinata raccogliendo i rifiuti presenti sia sulla battigia sia in profondità…

Bottiglie, lattine, pali di ferro, fino a tubature, bombole, copertoni e batterie per barche. Un triste bottino che i volontari hanno raccolto lungo tutta la zona balneare che dal Porto arriva al ninfeo minore di Agrippa Postumo. Lavoro svolto gratuitamente e a costo zero da alcuni ragazzi, organizzatisi tramite i social network, che ha suscitato stupore e interesse da parte di molti bagnanti, ignari della presenza di così tanti rifiuti in acqua.

Ma, come sempre, non sono mancate le note dolenti. L’assenza delle istituzioni, in primis Comune e Forum dei Giovani, che hanno preferito disertare l’appuntamento nonostante gli inviti degli organizzatori, ignorando l’impegno disinteressato di alcuni cittadini per la tutela dell’ambiente e dei beni pubblici. I promotori dell’iniziativa, inoltre, intendono ringraziare la Capitaneria di Porto, PenisolaVerde e gli stabilimenti balneari per il supporto fornito nelle varie fasi della raccolta dei rifiuti.