Piano di Sorrento, tragedia sfiorata al Porto di Marina di Cassano: gommone in fiamme

Stampa

PIANO DI SORRENTO – Una tranquilla domenica d’estate ha rischiato d’essere sconvolta da una tragedia causata evidentemente dall’imperizia e dalla superficialità, ma che poteva avere risvolti pesanti anche per le criticità in cui versa l’area portuale della Marina di Cassano divisa a metà tra Piano di Sorrento e Sant’Agnello. All’incirca verso le 16 un grosso gommone si riforniva di carburante presso la stazione portuale e, stando alle testimonianze raccolte, un occupante dell’imbarcazione fumava una sigaretta.

Probabilmente il vento ha concorso a realizzare l’infernale commistione che ha determinato una forte esplosione cui ha fatto seguito l’incendio. Immediata la reazione degli occupanti la barca che si sono gettati in acqua, nonostante due di essi avessero riportato ferite.

Immediati sono giunti sul posto i soccorsi, tra i primi la Protezione Civile di Piano di Sorrento, il 118 che ha trasportato due feriti all’Ospedale di Sorrento. Sopraggiunti i VV.FF., Carabinieri, Polizia, Guardia Costiera per mettere in sicurezza soprattutto i numerosi bagnanti che sono rimasti molto spaventati dall’accaduto, ma che sono stati immediatamente messi in sicurezza come sarà possibile vedere dalle immagini del servizio in esclusiva che abbiamo realizzato per sorrentochannel.tv e penisola.tv…

Video Incendio

Lascia sconcertati la circostanza che le bocchette antincendio per il rifornimento di acqua non funzionassero, come hanno potuto rilevare i VV.FF. e tutti gli altri soccorritori e come è stato confermato dai tanti testimoni presenti sul posto, tutti molto incavolati per il caos in cui regna la Marina.

Una situazione insostenbile, come denunciano i residenti che non risparmiano accusee critiche al Comune di Piano di Sorrento ritenuto responsabile dell’anarchia che regna nella frazione marinara. Ad oltre 1 ora e mezza dall’incidente sul posto non c’era traccia di un amministratore comunale, ma solo di vigili urbani intervenuti a dare man forte agli altri Corpi.

E’ chiaro che l’incidente ripropone in modo allarmante il tema della sicurezza alla Marina di Cassano e per il delegato al settore, l’avv. Alberto Maaggio, si tratta di venire a capo di una situazione che per certi versi rischia di degenerare proprio per quanto emerso in occasione di questa tragedia sfiorata e che sicuramente renderà inagibile, tra l’altro, il distributore fino al ripristino della sua funzionalità e messa in sicurezza.