PalaExpo a Sant’Agnello? E’ polemica tra gli schieramenti elettorali

Stampa

SANT’AGNELLO – L’ex sindaco e assessore provinciale leader del Movimento Civico “Sant’Agnello prima di tutto” l’ha presentata come la proposta in grado di cambiare il volte del turismo a Sant’Agnello e più in generale nella Penisola Sorrentina e sabato scorso, dalla tribuna dell’Hotel La Pace, ha rilanciato: “…realizzeremo un PalaExpo a Sant’Agnello per destagionalizzare il turismo…Abbiamo individuato anche l’area e ne ho parlato pure con Caldoro!“. Così Sagristani ha rispolverato un’idea già presentata a Sorrento nelle vesti di assessore provinciale al turismo qualche anno fa e che prevedeva nella Città del Tasso la realizzazione della mega opera considerata la panacea dei mali del turismo sorrentino. Gli avversari di Sagristani hanno replicato alla sua proposta con un post apparso sul profilo FB di “Liberi e Uguali per Sant’Agnello” respingendo al mittente l’idea considerata dannosa per Sant’Agnello e per tutta la Penisola…

Questo il ragionamento di Orlando&CO: “Pensare che per lo sviluppo del turismo a Sant’Agnello serva un centro commerciale completo di ristoranti e bar mi sembra un idea provinciale di chi non ha mai conosciuto alcuna realtà sterna, gli americani, gli inglesi e tutte le migliaia di turisti che ci onorano per la loro presenza secondo voi verrebbero per un centro commerciale?

Giustamente ciò li attirerebbe in massa perchè e notorio che New York, Londra, Parigi e tutte le principali città occidentali ne sono sprovvisti e quindi sarebbe una meraviglia che ci causerebbe l’invidia del mondo. Molto probabilmente sarebbe il colpo di grazia ai commercianti nostri e dei comuni limitrofi, nonchè un ingorgo gigantesco e permanente davanti al Cocumella e al Parco dei Principi antiche strutture che vedrebbero diminuire il loro valore.

Qualche certo ragazzo otterrebbe qualche contratto a progetto dalla grande distribuzione. E quando come tutti i centri commerciali della Campania fallirà i nostri cani randagi e tutti i roditori della zona avranno un tetto sicuro sulla testa”.

Sagristani punta a realizzare “…un grande centro fieristico e commerciale in prossimità degli impianti complementari per il turismo di Via Cocumella con l’obiettivo di offrire un’area permanente per esposizioni e grandi eventi. Una soluzione in grado di intercettare quel segmento di mercato che ricerca spazi di considerevoli dimensioni, assenti dall’offerta turistica della penisola sorrentina, per realizzare manifestazioni di livello nazionale e internazionale che la fama della costiera merita e richiede“.

A questo punto la questione si fa piuttsoto seria perchè, stando a quel che bolle in pentola, ci troviamo alla vigilia di una boxlandia 2: nel senso che il PalaExpò a Sant’Agnello andrebbe ad aggiungersi al progetto di realizzare a Piano di Sorrento, sia da parte privata sia dal Comune, due mega strutture commerciali, a Piazza Mercato e a Via Casa Rosa. Che ne sarà allora della Penisola dei profumi d’arancio e dei limoni?

Che ne sarà di centinaia e centinaia di attività commerciali e turistiche? Auspichiamo che i protagonisti di questa campagna elettorale si confrontino su questi temi piuttosto che polemizzare su chi presiede la sezione elettorale n°5 ai Colli di Fontanelle! Forse di questo problema così scottante è giusto che se ne occupi la stampa che su boxlandia ha validamente supportato le battaglie di chi è stato in prima linea!