Esequie Antonetti, domani alle 11 in cattedrale a Sorrento

Stampa

SORRENTO – Domenica 5 Maggio 2013, alle ore 11 presso la Cattedrale di Sorrento si svolgeranno le esequie dell’avv. Giovanni Antonetti tragicamente deceduto ieri pomeriggio. Accertato che si è trattato di suicidio, oggi la salma è stata riportata a Sorrento dove si celebrerà il rito funebre. All’incredulità delle prime ore, quando si è appresa la notizia confusa con altri, contestuali eventi di cronaca accaduto in questa tratta della Circum, è subentrato lo sconcerto e poi lo sconforto di quanti hanno dovuto accettare la verità di quasta tragedia inimmaginabile. Tante le testimonianze di affetto e di stima per Antonetti e la sua famiglia distrutta dal dolore, tanti anche i silenzi così come pure le ipocrisie.

Ora però è solo il momento del cordoglio e per tutta la giornata PinP non ha pubblicato notizie diverse per rispetto della memoria di Giovanni, di un giovane, di un amico, di un professionista e di un politico che nella sua pur breve vita tanto ha dato a Sorrento e alla Penisola nella sua lotta per affermare la legalità…

Un ruolo, il suo, indubbiamente scomodo, inviso a tanti, ai più! Su queste pagine è possibile ricostruire tutta la sua poliedrica attività politica e questo rappresenta il miglior tributo con cui onorarne la memoria. Oggi il settimanale Agorà ha pubblicato la sua ultima intervista, rilasciata appena qualche giorno fa, nella quale evidenziava il progetto di un’unione delle forze democratiche per creare un’alternativa all’attuale Amministrazione. Un’analisi come sempre acuta e vibrante, anche polemica.

La sua voglia di essere partecipe e protagonista con gli altri. Un’intervista diventata il suo testamento politico che ci auguriamo possa essere raccolto e dare frutto. Dalle sue parole si percepisce soltanto entusiasmo, l’impegno per realizzare un progetto, la voglia di incidere sulla politica della sua città per cambiarla! Non possiamo immaginare che cosa sia accadauto in questo viaggio da Napoli a Sorrento con questa ultima fermata a Seiano!

Possiamo pensare che se fosse stato con qualche amico forse oggi sarebbe ancora con noi! E’ inutile fare ipotesi o cercare risposte che purtroppo non potremo mai avere se nella sua mente è scattata una molla così violenta da indurlo al gesto estremo. Non sta a noi, nè ad altri, giudicare…Domani lo accompagneremo nel suo ultimo viaggio, poi raccoglieremo le idee per una riflessione da condividere con i nostri lettori.