Sant’Agnello…A proposito di PalaExpo, l’intervento di un attivista del M5S

Stampa

di Vittorio D’Esposito*

IL SUOLO INDIVIDUATO E’ FORSE QUELLO CHE E’ STATO LASCIATO PER ANNI ALL’INCURIA E CHE TRA POCO CON LA SCUSA DELLA RIQUALIFICAZIONE ED IL PUBBLICO INTERESSE, SARA’ AMPUTATO DEGLI ALBERI E DESTINATO A RICEVERE METRI E METRI CUBI DI CEMENTO, PERCHE’ POI SOTTO AL PALAFIERA CI DEVE PER FORZA STARE UN’ALTRO PARCHEGGIO. E COSI L’ULTIMA FETTA DI TERRITORIO DI QUELLA ZONA, COLTIVATA AD AGRUMI SPARIRA’!
E PERCHE’ NON NON CI COSTRUIAMO UN AEROPORTO? ANZI PERCHE’ NON COSTRUIAMO ANCHE UNA PIATTAFORMA DI LANCIO, COSI SAREMO PRONTI QUANDO COMINCERANNO I VIAGGI PER LA LUNA E PER MARTE E SAREMO I PRIMI IN ITALIA AD ESSERNE DOTATI, CI PENSATE? ASSOLUTAMENTE NON POSSIAMO PERDERE QUESTO TRENO DEL FUTURO, SAREBBE UN’OCCASIONE MANCATA, ED I NOSTRI FIGLI AVRANNO LA POSSIBILITA’ DI LAVORARE CON L’ENTE SPAZIALE EUROPEO E COLLABORARE CON LA NASA…

“A SANT’AGNELLO CROCIERE PER LO SPAZIO”. POTREBBE ANCHE DIVENTARE UNA BASE DI DEPORTAZIONE DI TUTTI COLORO CHE DECIDANO CHE QUESTA SOCIETA’ ORMAI è DIVENTATA INVIVIBILE E SCELGANO DI EMIGRARE NELLO SPAZIO!

La solita pappa, IL PALAEXPO’ non lo hanno voluto a Sorrento, adesso ce lo vogliono propinare a Sant’Agnello, l’ingranaggio gira e vota e torna sempe o’ stess punt. Io l’ho sempre detto, dietro a queste persone, c’e’ solo il business del cemento, non si fanno scrupoli, mica si preoccupano dell’impatto sul territorio, mica si preoccupano del commercio, mica si preoccupano delle persone che rimarranno a spasso.

A loro interessa solo fare, poi sono fatti nostri. Ma occupatevi del depuratore e di adeguare la rete fognaria, che in centro non è divisa in nera e grigia, e quando piove i troppo pieno scaricano tutto a mare, come si e’ visto nel filmato della marina di cassano. Li non c’e’ il Business? POVERI NOI!

MA RICORDATE IL MARE E’ LA NOSTRA RISORSA PRIMARIA, SE MUORE IL MARE FINISCE TUTTO!
PIUTTOSTO MI PIACEREBBE SAPERE SE QUALCHE LISTA HA PROGRAMMI PER RIDARE ALLA LIBERA E PUBBLICA FRUIZIONE IL GOLFO DEL PECORIELLO, VISTO CHE SONO STATI SPESI CIRCA 800,000 EURI DALLA PROVINCIA, PER METTERE IN SICUREZZA IL COSTONE, RIPRISTINARE IL CAMMINAMENTO PRIVATO CHE PORTA SULL’ARENILE E BONIFICARE L’ARENILE, DIMENTICANDO DI RIPRISTINARE ANCHE LA VECCHIA SCALA DI ACCESSO PUBBLICO, E SONO PREVISTI ALTRI LAVORI DI BONIFICA DEL CONDOTTO FOGNARIO, CON ULTERIORE SPESA DI CIRCA 200,000 EURI.

QUINDI QUEL POSTO FINALMENTE DIVENTERA’ FRUIBILE, MA DA CHI? BASTA CON QUESTO MODO DI FARE POLITICA, IL TERRITORIO PUBBLICO DI SANT’AGNELLO E’ DI TUTTI E TUTTI HANNO IL DIRITTO DI FRUIRNE LIBERAMENTE!

*Attivista 5 Stelle