Nitto Palma, abusivismo provocato dal centro-sinistra. No agli abbattimenti!

Stampa

L’esordio dell’On. Nitto Palma (PdL) alla presidenza della Commissione Giustizia è tutto un programma a conferma dei come il partitodi Berlusconi abbia ingabbiato l’alleato PD in una vera e propria morsa per conseguire tutti i risultati di quelli che sono stati i cavalli di battaglia nella campagna elettorale. Secondo Nitto Palma occorre riaprire subito il condono edilizio del 2003 in Campania per il quale si sono creati movimenti in tutta la regione per fermare le ruspe che in alcuni casi sono già entrati in azione. Dichiara il Presidente Palma: “Se c’è stata sul territorio nazionale una disparità di trattamento tra le Regioni dovuta a due leggi della Campania che sono state dichiarate illegittime dalla Corte costituzionale, non deve creare scalpore una posizione che tende ad ottenere la parità di trattamento per tutti i cittadini italiani…

Vi invito ad andare sui territori e vi renderete conto che da circa da 35 anni, in una terra dove governava il centro-sinistra, si è costruita una città grande come Padova e adesso qualcuno intende abbattere quella città. Stiamo parlando di circa 700-800 mila persone e non ci sono le risorse finanziarie per procedere agli abbattimenti, non ci sono le discariche dove inserire l’abbattuto e principalmente non c’è la possibilità di riallocare i soggetti che vivono in quelle abitazioni.

Vi sono dei mostri edilizi e ci sono delle abitazioni di speculazione ma la maggior parte di quelle abitazioni abusive sono abitazioni di necessità“.