A proposito della Farmacia a Fontanelle: abbiamo scoperto che…

Stampa

I contendenti alla carica di sindaco di Sant’Agnello si stanno dando battaglia sulla rete, sui vari social, polemizzando ma senza verve, presentando le proposte del loro programma, rivendicando meriti e primati… Uno degli argomenti forti usata per la frazione dei Colli di Fontanelle dove, ricordiamolo, “impera” Pasquale Esposito e dove si è consumata la querella sulla nomina a presidente dlela sezione elettorale n°5 della moglie del candidato Orlando discutendo di regolarità del voto, è stata annunciata da Sagristani, richiamata dal programma elettorale, l’iniziativa di “…adottare tutte le procedure previste per portare  entro il mandato (cioè entro il 2018, ndr) un presidio farmaceutico nella borgata“.

Non è specificato se sarà una Farmacia o una Parafarmacia, ma comunque di un presidio farmaceutico si tratterebbe. Si dà il caso che il 19 aprile 2012 la Giunta Comunale presieduta da Gian Michele Orlando, abbia approvato una deliberazione, la n°47, finalizzata a istruire le procedure per implementare le farmacie e istituirne una proprio ai Colli di Fontanelle.

Quindi la proposta di “Sant’Agnello prima di tutto” si rifà soltanto un atto già adottato dalla precedente Amministrazione con una particolarità: che a quella seduta della giunta risultava assente proprio l’allora assessore Pasquale Esposito leader dei Colli di Fontanelle.

Forse è proprio in ragione di questa assenza che Esposito, non sapendo che il suo ex sindaco Orlando aveva già provveduto a soddisfare i desiderata della sua frazione, ha spinto il suo aspirante sindaco Sagristani a far propria una proposta di fatto già superata e che la futura Amministrazione, chiunque ne sarà il sindaco, dovrà soltanto portare a compimento.