Piano di Sorrento, Pip in via Cavone: atti negati alla consigliera Iaccarino

Stampa

PIANO DI SORRENTO – Il progetto dei Piani di Insediamento Produttivi (PiP) a Via Cavone è tornato alla ribalta amminsitrativa per la volontà della maggioranza di dar seguito a un intervento di cui si parla da molti anni, ma ha causato già la prima controversia. Protagonista la consigliera di opposizione Anna Iaccarino che, avendo richiesto di accedere alla documentazione, si è vista negare l’accesso agli atti così che ha dovuto formalizzare una diffida all’Ente con riserva di ulteriori azioni qualora non venisse messa in condizione di conoscere quanto richiesto. Su FB è stato lanciato un SOS immediatamente raccolto dalla rete che intende promuovere una mobilitazione generale su questo argomento e anche sull’intera operazione boxlandia in penisola sorrentina.

Per inciso va detto che non è possibile negare l’accesso agli atti, a qualsiasi atto, a un consigliere comunale. C’è un ampia giurisprudenza a riguardo che impone l’esibizione immediata a richiesta di qualsiasi documentazione amministrativa purchè motivata dall’esercizio delle funzioni.