Regione Campania, disponibili 200mln di euro per la depurazione del mare

Stampa

NAPOLI – La notizia ufficiale è stata pubblicata il 29 aprile scorso sul Burc, il bollettino ufficiale della Regione Campania e riguarda l’accordo raggiunto con il Governo per l’utilizzo dello stanziamento di oltre 200 milioni di euro per interventi sulla depurazione del mare. Si tratta dell’attuazione di una delibera del CIPE del marzo scorso relativa a interventi per l’adeguamento del depuratore di Napoli est, la costruzione dei depuratori di Forio d’Ischia e Lacco Ameno, l’adeguamento dei depuratori di Benevento e di Capaccio, il riordino dei collettori orientali di Napoli, la costruzione del collettore di Ercolano. Come al solito emergono forti ritardi da parte della Regione Campania. Infatti è passato più di un anno tra la delibera del Cipe e questo atto.

E guardando nel merito le schede  si vede che solo per Ercolano c’è il progetto definivo e progetti esecutivi per l’adeguamento del depuratore di Capaccio e il riordino dei collettori di Napoli orientale. Per gli altri interventi come  l’adeguamento alle norme europee del depuratore di Napoli est e i depuratori di Ischia siamo ancora in alto mare e non si capisce chi concretamente sta lavorando ai progetti e alla predisposizione degli appalti.

Il cronoprogramma imposto dall’accordo è molto stringente e pone vincoli seri sulla gestione e la manutenzione delle opere. “E’ positivo che grazie all’azione del Governo uscente si sono destinate risorse del fondo di coesione e sviluppo per la depurazione. Si è perso tempo dal 2008 al 2011 sottraendo risorse al mezzogiorno e bloccando opere importanti – ha dichiarato Paolo Persico della rete Faro del Sarno.

Ma i tempi di realizzazione saranno ancora lunghi per le carenze di programmazione e capacità operativa della Regione. Inoltre è sempre più evidente, in particolare per l’area del comune di Napoli, che senza la definizione dei soggetti di indirizzo e di gestione del ciclo integrato delle acque e della depurazione non si riesce a fare un salto di qualità nella programmazione e nella gestione delle opere.

Già oggi ve ne sono di finite e inattive per contrasti sulla gestione o interventi semplici che da altre parti si fanno velocemente che vengono rinviati con grave danno per il nostro golfo”.