Massalubrense, il Tar dice si al Porto di Marina della Lobra

Stampa

MASSALUBRENSE – Il Sindaco Leone Gargiulo è soddisfatto per la doppia sentenza con la quale il TAR Campania ha respinto i ricorsi presentanti dall’Associazione Pro Loco di Massa e da un imprenditore turistico avverso il Comune per la realizzazione del porto turistico a Marina della Lobra. “Finalmente è stato chiarito senza ombra di dubbio che l’Amministrazione comunale ha seguito un iter corretto, assolutamente corretto nell’istruttoria di questo progetto di riqualificazione dell’area di Marina della Lobra – evidenzia Gargiulo – e soprattutto è stato sancito dal Tribunale che disertare la conferenza dei servizi da parte della Regione Campania e dell’Autorità di Bacino significa perdere qualsiasi titolo a intervenire successivamente sul procedimento e a interferire su di esso.

Mi dispiace soprattutto che ci abbiano farte perdere oltre un anno in modo assolutamente strumentale, mentre noi abbiamo coinvolto tutti, dico proprio tutti e financo le associazioni ambientaliste, in questo confronto interistituzionale cui la legge riconosce una funzione pregiudiziale e vincolante ai fini del buon esito della programmazione e del coordinamento tra tutti quanti hanno titolo a intervenire nel procedimento…

Ritardi e intralci che hanno avuto l’unico obiettivo di mortificare il nostro lavoro e quello di quanti sono impegnati correttamente da anni per realizzare quest’opera così importante per la nostra città e per il borgo marinaro e che avrà importanti risvolti sul piano della qualificazione e della valorizzazione del territorio oltre che su quello occupazionale“.

Sulla stessa frequenza anche Nino Gargiulo, presidente della Società “Marina Lobra Srl” che dovrà realizzare l’opera che ha rilasciato l’intervista che pubblichiamo nella sezione video: “…Abbiamo visto ancora una volta riconosciute le nostre ragioni e soprattutto la correttezza del procedimento da tutti osservato. Le due sentenze del TAR sgombrano il campo, se ancora ce ne fossero, da ogni equivoco e stabiliscono un principio fondamentale sul ruolo e sulle implicazioni di una conferenza dei servizi.

Voglio ringraziare il nostro avvocato Barbara Del Duca che ci ha assistiti sul piano legale in questa vicenda“. Evidentemente soddisfatto anche l’arch. Luigi Mollo “…perchè è stata riconosciuta la regolarità dell’iter che abbiamo seguito e degli atti prodotti“.