Stanziati i fondi per completare il disinquinamento del Sarno

Stampa

NAPOLI – Sulla gazzetta ufficiale e sul sito della Protezione Civile è stata pubblicata l’ordinanza n.75 a Firma di Gabrielli  per ordinare e favorire il subentro dell’Agenzia regionale Arcadis nelle iniziativa finalizzate al completamento delle opere per il disinquinamento del Sarno. E’ un ‘atto importante perché dà all’Agenzia regionale risorse, poteri e possibilità di spesa in continuità con il lavoro svolto dal commissariato emergenza Sarno. Fino ad oggi si erano accumulati dei ritardi dovuti ad un clima di incertezza e al fatto che rischiava di perdersi tutto nel buco nero della Regione Campania.

Questo era stato denunciato da alcune Amministrazioni comunali, Poggiomarino in particolare. L’ordinanza di Protezione civile stabilisce tempi molto stringenti per delineare il quadro degli interventi e i tempi di realizzazione…

“Questa ordinanza è un fatto positivo e consente di superare alcune criticità – ha dichiarato Paolo Persico della rete Faro del Sarno – L’Agenzia regionale Arcadis non ha più alibi per superare ritardi. Proprio traendo spunto dall’ordinanza vorremmo proporre, insieme alle associazioni e alle Amministrazioni comunali, di sperimentare un modello di condivisione e di trasparenza che, partendo dalle relazioni da presentare al Governo, informi correttamente i cittadini sull’andamento delle opere e sulle scelte che si compiono.

Non bisogna dimenticare che del disinquinamento del Golfo e del Sarno si parla dagli inizi degli  anni 70 e i primi appalti sono partiti alla fine di quel decennio. E’ una sfida per tutti, dopo 40 anni e ingenti risorse spese, dimostrare che un grande programma pubblico si può portare a termine”.