Sorrento e Piano-Casa, Nicola Esposito replica a Cuomo

Stampa

SORRENTO – Le cooperative edilizie salutano positivamente il riscontro avuto dalla commissione comunale edilizia e ambiente per la costruzione di 48 appartamenti in località Atigliana, ma al sindaco Giuseppe Cuomo chiedono: “A nome del CEPS, Cooperative edilizie Penisola Sorrentina – spiega il Nicola Esposito – vogliamo dare atto a Cuomo che l’iter sta avendo il suo corso, ma visto che ora lo stesso deve proseguire in soprintendenza e poi ritornare con un progetto definitivo nelle commissioni comunali e poi ancora in giunta e in consiglio (per la convenzione pubblica), lo stesso possa trovare un percorso celere per dare nel giro di due anni la certezza di una casa ai sorrentini. La stessa nostra richiesta di variante al PUC – forse superata!? – trova una sua logica nel dispositivo della delibera Consiglio comunale di Sorrento n. 9 del 25.02.2010, in cui il tecnico comunale scriveva che nonostante la richiesta del CEPS fosse accoglibile, ai sensi dell’art. 7 della legge Regione Campania n. 19/2009 (Piano Casa), la stessa ricadeva nell’ambito della Zona C – Edilizia Pubblica di Integrazione – del PUC, quale ambiti da destinare ad edilizia sociale residenziale”.