Sorrento, con “Aranciò” al via un programma di educazione alimentare

Stampa

SORRENTO – Aranciò è il progetto di educazione alimentare varato dall’Amministrazione Comunale di Sorrento e diretto a famiglie, alunni ed insegnanti delle scuole dell’infanzia e primarie della Città. Lunedì 8 aprile, alle ore 17 presso la sala consiliare del Comune di Sorrento, Giuseppe Stinga, vice sindaco e assessore all’Agricoltura e al Marketing territoriale, la presenta insieme a Maria Teresa De Angelis, assessore alla Pubblica Istruzione, a Mariano Vinaccia, presidente della cooperativa Solagri e Costantino Astarita, primario cardiologo all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Sorrento. Con loro Raffaella Balzano, Cristina Maria Russo e Patrizia Zuliani, nutrizioniste dell’associazione Anpea. Modera Margherita Rizzuto di AgriGiochiamo.
Protagonista del percorso di formazione sarà l’arancio sorrentino, caratterizzato da una buccia spessa e da succo abbondante, ottimo quindi per le spremute. Un concentrato di gusto e di salute che gli esperti di Agrigiochiamo faranno conoscere ad oltre 1400 bambini, illustrando loro l’importanza di una sana alimentazione.

In collaborazione con la cooperativa Solagri, due volte a settimana ai bimbi sarà offerta una spremuta d’arancia. Inoltre, attraverso attività ludiche, verranno guidati alla scoperta delle proprietà di questo frutto tipico della costiera sorrentina. L’obiettivo del progetto è quello di sensibilizzare gli alunni e le loro famiglie ad un maggior consumo di prodotti tipici e stagionali nella propria alimentazione quotidiana, privilegiando una merenda genuina rispetto ai prodotti industriali.

Le attività saranno svolte tra aprile e maggio con una serie di eventi in programma dal 25 al 28 aprile, in occasione della Borsa Valori del Territorio. “Il progetto prevede anche un seminario formativo rivolto ai genitori, per meglio comunicare le finalità del progetto promosso dal Comune di Sorrento che mira al benessere della comunità, della tutela del territorio e delle qualità dell’arancia di Sorrento – spiega Stinga – Abbiamo realizzato per l’occasione una anche una brochure informativa con interventi di nutrizionisti e di cardiologi sulle caratteristiche nutrizionali e salutari di questo grande prodotto del nostro patrimonio agroalimentare“.