Mare e inquinamento, Antonetti d’accordo con Pd e Insieme per Sorrento

Stampa

SORRENTO – I problemi del mare sorrentino uniscono il fronte delle forze di opposizione e Giovanni Antonetti, leader dell’IdV forte di una rinnovata fiducia dal partito a livello nazionale, fa il punto sulla situazione: “Non possiamo che concordare con il Partito Democratico che ha chiesto il rispetto da parte dell’amministrazione dell’impegno formale assunto in Consiglio Comunale circa la soluzione del problema della depurazione delle acque a Marina Grande, anche alla luce dell’ennesimo divieto di balneazione, che i fatti confermano tanto essere ciclicamente stabilito ogni anno quanto poi essere successivamente revocato: bisogna dismettere il depuratore ed individuare le fonti di sversamento abusivo in mare”…
Continua Antonetti: “Inoltre riteniamo pienamente legittima la presa di posizione da parte della lista civica Insieme per Sorrento in merito alla totale assenza soluzioni politiche provenienti dalla giunta comunale ai problemi del caro affitti e della crisi dell’economica locale soprattutto nel settore commerciale; quanto invece ai fatti recentemente esposti sui social network dal capogruppo in consiglio comunale della stessa civica, che appaiono di una gravità inaudita, auspichiamo un intervento della magistratura territorialmente competente che dovrà però essere debitamente sollecitata con denuncia da parte di coloro i quali hanno avuto contezza diretta delle trattative immobiliari e dei soggetti coinvolti, come d’altronde fatto precedentemente dall’Italia dei Valori in altre fattispecie dettagliatamente esaminate quali, tra le altre, il parcheggio di via Rota, il Vallone dei Mulini, le postazioni ‘Info Point’ e le opere alla Regina Giovanna.

Infine auspico l’inizio di un proficuo dialogo tra le menzionate forze politiche di opposizione, allargato anche ad altri consiglieri comunali ed alle diverse realtà della società civile, da intraprendere al più presto su iniziativa del partito maggiormente rappresentativo sul territorio, per costruire una solida base programmatica di principi comuni e finalizzata alla formazione di una coalizione allargata per le prossime elezioni comunali che possa proporsi come una seria alternativa all’attuale amministrazione ed al  modo di agire della stessa, il cui fallimento, da ogni punto di vista, è nei fatti e sotto gli occhi di tutti i cittadini”.