Fiorentino, lobby e torbidi affari a Sorrento

Stampa

Una gravissima denuncia di Rosario Fiorentino pubblicata su Facebook che non può passare inosservata.

di Rosario Fiorentino*

Recenti notizie di stampa impongono a chi ricopre una carica pubblica di esprimere la propria opinione e formulare, prima ancora che giudizi e riflessioni, proposte operative da poter mettere in pratica. Mi riferisco a tre questioni che si collegano tra loro.La prima concerne il livello di povertà e di indigenza che strati sempre piu ampi di famiglie si ritrovano per una serie di circostanze a partire dalla perdita di lavoro, da una consistente riduzione del proprio reddito familiare e da un aumento scandaloso dei canoni di fitto sia per abitazioni che per le attivita commerciali e turistiche. Un vero e proprio salasso economico che diventa miscela esplosiva se si somma alle difficoltà in cui si vive in questo momento storico…

Se poi in giro, alla faccia della crisi e dei disagi in cui versano le famiglie, si notano operazioni di compravendita di beni immobiliari di persone, anche amministratori o ex amministratori, che con reddito di fame anche liquidità che non trovano alcuna giustificazione. Eppure ciò accade sempre piu spesso insieme a chi ricicla e investe in economia legale i proventi illeciti di clan e malaffare allora la cosa diventa ancora piu complicata, difficile e pericolosa.

Lobby di potere economico e capi clan si incontrano come in un film per sistemare il piano urbanistico comunale, creano società, diventano soci in diverse e consistenti operazioni speculative ed economiche, amministratori che nella piazza principale di Sorrento fanno trattative con noti esponenti della malavita e mentre priva c’erano informative che ti collocavano tra persone che frequentano noti cammorrista, oggi sembra quasi che vengano indicati come esempi da imitare.

Poi iniziano ad arrivare i sequestri di beni di famiglie note dalla penisola Sorrentina a quella amalfitana. Luoghi di turismo e di villeggiatura come le famose perle del turismo della Campania si notano sempre piu spesso acquisti e compravendite su cui aprire riflettori, indagini patrimoniali approfondite con sequestri e confische per poi destinare detti beni a pubblica utilità e sociali. (continua)

* Presidente Commissione Consiliare Trasparenza Sorrent0