Prodi bocciato, PD nel caos…

Stampa
ROMA – La bocciatura di Romano Prodi assesta un colpo mortale al PD e al suo segretario Pierluigi Bersani. Durissima la reazione di Prodi alla notizia della bocciatura al 4° scrutinio, esito che fa pensare al grande complotto trasversale partorito dagli ispiratori dell’inciucio. Sull’accaduto abbiamo registrato il parere del prof. Raffaele Lauro del Movimento “No all’Azzardo – Salviamo l’Italia“:  “Ora che e’ stato bruciato, per il Quirinale, anche il nome di Prodi, il padre fondatore del partito democratico, le dimissioni di Bersani dovrebbero essere obbligatorie.

Con questa logica perversa, infatti, non passerà più alcun candidato della segreteria del PD. Ai democratici non resta che aggrapparsi all’ancora di salvezza di Stefano Rodotà, se vogliono evitare il definitivo naufragio“.

Su Il fatto i retroscena delle trombature