Sorrento, il Sindaco precisa sulla Tarsu. Tassa di soggiorno 2013

Stampa

SORRENTO – In relazione a notizie pubblicate su alcuni organi di stampa relative ad una presunta restituzione ai cittadini, da parte del Comune di Sorrento, di alcune somme relative alla Tarsu, il sindaco Giuseppe Cuomo precisa di non avere mai adottato alcuna iniziativa per richiedere ad Equitalia la restituzione di denaro ai contribuenti. “In primo luogo perché non è di mia competenza – spiega Cuomo – La notizia è poi doppiamente infondata dal momento che la determina cui fanno riferimento alcuni articoli di stampa, riguarda lo sgravio di cartelle esattoriali iscritte nei ruoli per gli anni 2012 e precedenti e non comporta impegno di spesa. Si è semplicemente richiesto ad Equitalia di discaricare le cartelle dei contribuenti da noi indicati, poiché frutto di errati calcoli, e non richiedere loro il pagamento“…

Sono state inoltre confermate anche per il 2013 le tariffe relative all’imposta di soggiorno per le strutture ricettive situate nel Comune di Sorrento… Lo ha deciso la giunta municipale, che ha invece stabilito una riduzione per i b&b, da 1,50 euro a 1 euro, “in considerazione della loro particolarità – si legge nel documento – e dell’apporto marginale delle stesse rispetto all’ammontare complessivo del gettito”. Per gli alberghi fino a 3 stelle, campeggi e ostelli il tributo rimane quindi invariato in 1 euro al giorno, 1,50 per gli hotel a 4 stelle e 2 euro per gli alberghi a 5 stelle.

“La decisione è giunta al termine di numerosi incontri con i rappresentanti delle associazioni di categoria – spiega il sindaco, Giuseppe Cuomo – Abbiamo così superato anche i dissensi dell’anno scorso.

Inoltre si è deliberato, con proposta passata al vaglio del consiglio comunale, di cambiare il regolamento e prevedere che gli autisti, le guide e gli accompagnatori dei gruppi organizzati non siano soggetti alla tassa di soggiorno, così come gli ospiti del Comune che partecipano ai vari eventi promossi dall’amministrazione. Sono soddisfatto del risultato raggiunto nell’ultimo anno, dal momento che, grazie alle somme incassate, siamo riusciti ad evitare aumenti delle tasse comunali che avrebbero gravato su cittadini e imprenditori“.