Sant’Agnello, negato il teatro San Giuseppe a Salvatore Siviero

Stampa

SANT’AGNELLO – L’assemblea pubblica al Teatro San Giuseppe non si farà perchè i responsabili della struttura non ne hanno concesso la disponibilità a Salvatore Siviero che ne aveva fatta richiesta con l’intento di discutere di un problema che, nelle scorse settimane, aveva interessato parecchio la pubblica opinione: i criteri di scelta degli scrutatori per le elezioni amministrative dopo le polemiche seguenti alle elezioni politiche. Un tema tutto sommato utile per animare un confronto pubblico che invece non ci sarà tra gli attori di quella che si preannuncia una campagna elettorale impegnativa e dall’esito molto incerto nonostante si ostenti sicurezza soprattutto da parte dei “Sant’Agnello prima di tutto“, il movimento civico dell’ex sindaco Pietro Sagristani…

Intanto si registra un’ennesima “dichiarazione d’amore” (su Positanonews) da parte dell’ex assessore all’istruzione Giuseppe Gargiulo all’indirizzo di Sagristani, a distanza di una settimana dall’intervista rilasciata ad Agorà con l’autocandidatura nella sua lista. Forse essendo mancata una risposta pubblica a tale dichiarazione qualche preoccupazione deve essersi materializzata in Gargiulo anche per il susseguirsi di voci che vorrebbero la lista “Sant’Agnello prima di tutto” presentari con sole due scontate conferme di ex amministratori: Pasquale Esposito e Antonino Castellano.

Potrebbe spuntarla alla fine anche Gianni Salvati in pressing sul leader per rientrare nella rosa, mentre per tutto il resto si parla di una squadra rinnovata. Tant’è che è stata annunciata su Agorà un’altra candidatura nuova, quella dell’ing. Franco De Angelis ex priore di San Giuseppe (il sodalizio del Teatro negato!). Intanto stasera si è svolto il summit del gruppo-Orlando convocato per venire a capo del rebus sulla designazione del candidato sindaco, una decisione che ormai non può più essere rinviata essendo stata annunciata per l’indomani delle elezioni politiche.

Sant’Agnello e il Teatro negato