Orlando sulle accuse di “mignottocrazia” dell’ex assessore Esposito

Stampa

SANT’AGNELLO – L’intervento dell’ex assessore Pasquale Esposito sul settimanale Agorà ha suscitato diverse polemiche per l’accusa che ha rivolto ai “cambia casacca”, fenomeno che Esposito ha definito col termine piuttosto infelice di “mignottocrazia”. Sull’argomento l’ex sindaco Gianmichele Orlando questa mattina ha postato su FB il seguente commento:
“Valutate voi. Sull’ultimo numero di Agorà (da non perdere assolutamente) Pasquale Esposito tuona contro i “cambi di casacca”. Ma non era proprio lui che, ad agosto scorso, dopo aver approvato la delibera di liquidazione di ben 28.000 euro alla Festa dei Colli, cambia casacca nel giro di una sola giornata? E tutto ciò per rifarsi una “nuova” vita politica.

Nella speranza di altri cinque anni da assessore che gli permetterebbero di portare a circa 220.000 euro l’importo dei soldi di noi contribuenti santanellesi che nell’arco dei suoi venti anni di politica ha intascato come indennità assessoriale. E per aver fatto cosa, in tutto questo tempo? La campagna elettorale impazza ed i candidati al governo della città, per amore del paese ovviamente, impazziscono fino a criticare i loro stessi atteggiamenti. O tempora, o mores“.