Antonetti: impugnare al Tar il “dimensionamento” dell’Artistico

Stampa

Avv. Giovanni Antonetti

SORRENTO – Continua a tenere banco nel dibatitto politico sorrentino il dimensionamento scolastico che ha portato all’aggregazione del Liceo Artistico di Sorrento “Grandi” all’Istituto Tecnico Nautico “N. Bixio” di Piano di Sorrento. Sull’argomento interviene Giovanni Antonetti (ccordinatore dell’IdV peninsulare e sostenitore di Rivoluzione Civile)  al quale chiediamo che cosa intende fare su questo provvedimento che fa registrare, a livello amministrativo, opposte considerazioni da parte del Sindaco Giuseppe Cuomo e della maggioranza e del consigliere Rosario Fiorentino che subito si è dichiarato contrario all’aggregazione.

Istituto “Grandi”

Siamo fin da ora al fianco degli studenti, insegnanti e dirigenti dell’Istituto Statale d’Arte ‘F. Grandi’ di Sorrento affinché venga scongiurato il dimensionamento di questa storica istituzione scolastica e si riesca ad ottenere la piena autonomia didattica di un polo formativo che ha costituito, e costituisce tuttora, un punto di riferimento per la formazione professionale ed artistica della penisola sorrentina”…

Che cosa si propone di fare?
Stiamo analizzando l’intera vicenda sotto l’aspetto giuridico e ci auguriamo che in queste ore il sindaco di Sorrento e l’Assessore alla pubblica istruzione Maria Teresa De Angelis (il cui pensiero in merito sinora non è dato conoscere) stiano facendo altrettanto, attraverso l’affidamento della pratica all’ufficio dell’avvocatura comunale, che istituzionalmente deve essere sempre pronta a rispondere ad esigenze dei cittadini, essendo sostenuto con soldi degli stessi contribuenti. I cittadini sorrentini non possono accettare supinamente quanto stabilito dalla Regione Campania e dalla Provincia di Napoli che, dato non trascurabile, sono per giunta governate da forze politiche di centrodestra, proprio come la nostra Amministrazione Comunale”.
Si parla di una cancellazione d’ufficio dello storico Liceo Artistico?
Non può scomparire nella totale indifferenza un plesso storico, che è anche polo per le diverse abilità e punto di riferimento per iniziative sociali in collaborazione con il P.s.z. e l’A.s.l. Na 3 Sud. E’ per questo che, se sarà necessario, ci batteremo, insieme alle altre forze politiche, come avvenuto per la vicenda del dimensionamento scolastico tra la scuola elementare Angelina Lauro e la media Torquato Tasso, evitato sinora grazie alle proteste e proposte degli studenti e del corpo docente che riuscirono a far comprendere all’amministrazione comunale l’irrazionalità di quel provvedimento”.
Quali saranno i primi passi che compierete?
“Sin da ora come Rivoluzione Civile e Idv confermiamo la nostra presenza alla manifestazione organizzata presso l’aula consiliare di Sorrento per la mattina di lunedì 18 febbraio, unitamente ai consiglieri comunali della lista civica ‘Insieme per Sorrento’ ed a tutti i consiglieri comunali (di opposizione e maggioranza) che hanno a cuore le sorti della scuola pubblica sorrentina. Siamo certi che in questa occasione il Sindaco spiegherà a tutti noi se è stato seguito il corretto iter legale/procedurale e se ci sono margini per impugnare le delibere regionali e provinciali presso il competente Tribunale Amministrativo Regionale. Perché questa non è una questione di personale contrapposizione tra maggioranza ed opposizione, qui è in gioco il futuro dei nostri studenti e la salvaguardia della nostra tradizione artistica”.