Orlando, per gli scrutatori è stata solo una “lottizzazione” vergognosa!

Stampa

Con questo intervento dell’ex sindaco Gianmichele Orlando chiudiamo la discussione sulla nomina degli scrutatori a Sant’Agnello che è stata ampiamente articolata e commentata.

Gianmichele Orlando

“La vicenda della commissione elettorale di venerdì è stata una delle pagine più squallide che ha vissuto la nostra cittadina dopo quella del commissariamento dell’Ente. Abbiamo assistito ad una spartizione senza se e senza ma; spudoratamente, anche e soprattutto dopo, allorquando, a compito assegnato fatto, i due Sagristani boys Attilio Massa e Giovanni Salvati hanno tentato vergognosamente di giustificarsi. Una commissione elettorale scaduta per legge. ma alla quale si sono aggrappati con forza i due consiglieri dimissionari pur di spartirsi un po’ di nomine indicate loro sappiamo già da chi.
Io ed i cittadini di Sant’Agnello vogliamo sapere da Massa e da Salvati o da chi sta dietro di loro i criteri che hanno seguito per la scelta degli scrutatori e le motivazioni dietro ogni nome, esattamente dietro ogni nome che hanno fatto altrimenti, in mancanza, dobbiamo ipotizzare che i nomi siano stati fatti secondo una logica clientelare o peggio in base al voto di scambio. Capiremo così come mai sono stati “motivatamente” nominati due cugini stretti della moglie di Attilio (che non hanno il cognome Massa), nonché una sua prossima cognata; capiremo anche perché, sempre “giustamente”, sono stati addirittura scelti due componenti di una stessa famiglia benestante; capiremo perchè, sempre “opportunamente”, sono stati scelti i figli di due impiegati comunali.
Per la prossima selezione di scrutatori che si terrà tra due mesi chiedo ai componenti della commissione, se hanno un minimo di dignità di individuare gli scrutatori tra i giovani appartenenti alle famiglie meno abbienti del comune su indicazione dei nostri servizi sociali“. 

Gianmichele Orlando