Per il nuovo anno vi auguro il “coraggio di ribellarsi”

Stampa

di Gianmichele Orlando

Gianmichele Orlando

Mai un anno nuovo è stato così atteso come quello che sta arrivando. Superato l’incubo (si fa per dire) della fine del mondo tutti noi auspichiamo che con l’arrivo del 2013  si verifichi concretamente la fine di un mondo. Un mondo che per troppo tempo abbiamo subìto e che ci ha fatto venire meno la fiducia nel presente, la speranza nel futuro ed addirittura la forza dell’indignazione. E’ questa la cosa peggiore che può accadere ad un popolo: la rassegnazione, la consapevolezza che le cose che non vanno sono molte, troppe ma che nessuno sarà in grado di metterle a posto. L’augurio sincero che voglio fare a tutti voi per il 2013 prende in prestito le parole di una delle figure più luminose del nostro tempo, scomparsa in questi giorni: “… Nella vita non bisogna mai arrendersi alla mediocrità, bensì uscire da quella “zona grigia” in cui tutto è abitudine. Bisogna coltivare il coraggio di ribellarsi … “ (Rita Levi Montalcini)