Quei “silenzi” del PdL di Sorrento sulle “battaglie” del Sen. Lauro

Stampa

Sen. Raffaele Lauro

Perchè il PdL di Sorrento “tace” sulle battaglie, anche “politicamente cruente” che sta conducendo il Sen. Raffaele Lauro? L’interrogativo è legittimo e scaturisce dalla constatazione che su questioni come “boxlandia“, tutela del territorio sul piano ambientale-paesaggistico e dalle infiltrazioni malavitose, sul contrasto al proliferare di sale gioco e sulla connessa  piaga della ludopatia non abbiamo registrato (a meno di possibili sviste) dichiarazioni ufficiali del partito, nè una condivisione di “lotta” da parte del suo maggior esponente e vice-sindaco di Sorrento Giuseppe Stinga.

Giuseppe Stinga

Anche perchè proprio in queste settimane sindaci e amministratori locali sono stati “richiamati pubblicamente” da parte del Senatore su questioni molto delicate: alcuni di essi si sono confrontati dialetticamente con il Parlamentare sorrentino non rinunciando a un confronto duro e sicuramente non agevole, per cui appare quantomeno inusuale il silenzio del Partito di riferimento proprio del Senatore che, come dichiarato anche da alcuni esponenti delle varie opposizioni peninsulari, col proprio operato sposa “cause” che oggi rappresentano i “cavalli di battaglia” di forze politiche di minoranza nei Comuni! E di questa “terzietà politica” non si può non dare atto a Lauro!

Ora senza voler scatenare polemiche, ma la circostanza non può passare inosservata e merita invece un approfondimento! Su questioni di sicuro minor interesse e senza implicazioni politico-amministrative si registrano inteventi e ringraziamenti da parte del partito e, nello specifico, del vice sindaco Stinga all’indirizzo di Lauro ed è proprio questo distinguo sugli argomenti che pone legittimi interrogativi peraltro confermati dal fatto che sul sito ufficiale del Pdl di Sorrento non rinveniamo tracce di interventi e/o di commenti specifici. E’ altrettanto chiaro che su certe questioni, visto che Stinga è il vice di Giuseppe Cuomo, è sicuramente imbarazzante fare dei “distinguo” da parte del Coordinatore del PdL, ma lo stesso Cuomo dovrebbe essere un iscritto al PdL cui aderì già all’indomani delle elezioni amministrative visto, peraltro, che è stato uno degli uomini più rappresentativi di Forza Italia a Sorrento sin dalla nascita del partito. Ora l’ultimo invito lanciato da Lauro, ieri, all’indirizzo di Sindaco e Giunta di voler procedere a rapide verifiche sull’iter amministrativo con cui si è intervenuto in un’area ad agrumento “per fare pulizia” dando vita a un’inedita alleanza Udc-Pd che ha denunciato lo “scempio”, avrebbe richiesto un’immediata presa di posizione almeno da parte del vice-sindaco. E pure vero che dal 13 a oggi a Sorrento è in corso il meeting dei giovani del PdL vicini all’On. Lupiper formare la nuova classe dirigente“, ma certe questioni hanno una priorità ed essendo il gruppo del PdL il più numeroso tra quelli in consiglio forse qualcuno avrebbe potuto esprimersi sulla vicenda visto che dagli altri Consiglieri di “plausi” a Lauro non ne arrivano a sostegno di alcuna “battaglia“.