Sorrento, rispettato il patto di stabilità 2011

Stampa

Michele Bernardo

SORRENTO – Tirano un sospiro di sollievo in Municipio quando l’assessore al bilancio Michele Bernardo conferma che non è stato sforato il patto di stabilità 2011. Ammonta infatti a circa 2 milioni e 350 mila euro il ricavo totale della vendita di 15 immobili di proprietà municipale messi all’asta. “Si tratta di cespiti venduti quasi esclusivamente a sorrentini – sottolinea l’assessore Bernardo – Alcuni appartamenti sono stati rilevati dagli attuali occupanti, altri sono stati venduti a giovani coppie”. La cifra incassata servirà all’erario comunale per rispettare il patto di stabilita per l’anno 2011. “Era un obiettivo importante – aggiunge Bernardo – dal momento che nel 2012 i Comuni virtuosi, ovvero in regola con i vincoli negli ultimi tre anni, potranno usufruire di agevolazioni e non saranno gravati da penalità. Sono soddisfatto del nostro operato e del lavoro che ci ha impegnato negli ultimi due mesi in modo continuo ed impegnativo”. L’assessore ha voluto ringraziare personalmente dirigenti e impiegati dell’Ufficio Patrimonio, Ragioneria e Tecnico del Comune di Sorrento, per la disponibilità mostrata. “Il nuovo anno inizia insomma nel miglior modo possibile – ha concluso – La somma incassata sarà utilizzata solo ed esclusivamente per garantire la manutenzione delle strade, dei marciapiedi e per il recupero e la valorizzazione del patrimonio comunale, in primis gli interventi sulla scuola Vittorio Veneto”.