Sant’Agnello, il Consiglio dà il via libera al piano casa e alla tassa turistica

Stampa

Consiglieri di Opposizione - Sant'Agnello

SANT’AGNELLO – L’ultimo consiglio comunale del 2011 è servito ad approvare alcuni importanti provvedimenti sui quali maggioranza e minoranza, in qualche caso, si sono ritrovati daccordo, come per esempio sull’adozione delle linee applicative del “Piano Casa” nella Penisola Sorrentina predisposto dagli Uffici Tecnici dei Comuni Peninsulari coordinati proprio dal capo dell’UTC di Sant’Agnello Franco Ambrosio. “Un provvedimento importante – ha sottolineato il sindaco Gian Michele Orlando – per dare risposte concrete al fabbisogno abitativo nel rispetto del territorio”. Sulla stessa frequenza il consigliere Agnello Marone, capogruppo di Impegno Nascente, il quale ha evidenziato la necessità non soltanto di adottare queste linee operative, ma di “…sviluppare una concreta e sinergica azione da parte delle Amministrazioni locali per modificare una legge urbanistica datata da oltre trent’anni, non più rispondente alle esigenze del territorio e di chi ci vive, che necessita di un restyling su cui devono trovare un accordo le forze politiche se si vuole rispondere in modo adeguato alle politiche di governo del territorio e di soddisfazione del fabbisogno abitativo. Chiedo anzi al sindaco di farsi portavoce di tale esigenza presso le altre amministrazioni e di intraprendere adeguate iniziative con gli altri Sindaci su questo fronte”.

Giovanni Salvati (Liberi Cittadini)

Si è dichiarato daccordo il primo cittadino di Sant’Agnello che ha confermato come il provvedimento adottato col piano casa si intende affrontare una delicata problematica in modo unitario, salvaguardando il territorio, ma nello stesso tempo venendo incontro a oggettive esigenze dei cittadini. Il consigliere Gianni Salvati, del gruppo Liberi Cittadini, ha dichiarato di “…esprimere voto favorevole per mantenere la concordia con i restanti gruppi di minoranza, ma esprimo forti perplessità sulla reale efficacia di queste linee operative in quanto al tavolo di concertazione intercomunale è mancato un soggetto fondamentale, cioè la Sovrintendenza, circostanza che ci fa ritenere che il lavoro fatto possa finire nel nulla perchè spetterà sempre alla Sovrintendenza l’ultima parola sugli interventi che, come sapete, in Penisola Sorrentina sono sottoposti ai vincoli urbanistici. Tutto ciò potrebbe rivelarsi una delusione per i cittadini”. Sul piano delle dismissioni immobiliari da cui il Comune intende ricavare parte delle risorse finanziarie necessarie a costruire la nuova scuola media che, ha dichiarato il Sindaco, “…è l’assoluta priorità di questa Amministrazione che ha attivato tutte le procedure idonee a realizzare il progetto” si è registrato l’intervento del consigliere Antonino Castellanoche ha criticato la decisione della maggioranza di vendere 9 degli immobili comunali che non sono stati venduti agli occupanti abbinandoli al leasing costruendo, la formula di finanziamento scelta dall’Amministrazione per realizzare il progetto della scuola: “che ne sarà delle famiglie che non hanno potuto acquistare la casa?” ha chiesto il consigliere in polemica con il primo cittadino.

Maggioranza consiliare

Orlando ci è andato giù duro nella replica evidenziando che “…innanzitutto abbiamo già previsto che gli attuali occupanti potranno occupare le attuali abitazioni per 4 anni più quattro, dopodichè le dovranno necessariamente lasciare perchè questi appartamenti dovevano essere occupati per il tempo necessario alla ricostruzione post terremoto e la loro disponibilità riguarda quindi i restanti 8500 abitanti di Sant’Agnello cui l’amministrazione ha il dovere di pensare…Anzi credo che alcuni di loro abbiano commesso un errore ad ascoltare il vostro consiglio di rinunciare all’acquisto perchè quando sarebbe camabiata l’amministrazione comunale voi li avreste garantiti sulla cosnervazione della casa”, ha detto il Sindaco che ha anche invitato il consigliere Castellano e il resto dell’opposizione a indicargli “…da dove avreste preso i soldi per realizzare la scuola sto ancora aspettando che me lo indichiate…Se avete altre soluzioni fattibili rispetto a quelle da noi proposte sono anche pronto ad andarmene”, battuta che è stata immediatamente colta dal consigliere Salvati che pur di realizzare questo obiettivo si è riservato di prospettare una diversa soluzione per il reperimento dei fondi. Un altro importante provvedimento adottato è stata l’approvazione del regolamento comunale per la tassa di soggiorno turistico (compete invece alla giunta l’adozione del provvedimento specifico in termini di importi, ndr) con l’astensione dell’Opposizione motivata dal consigliere Castellano: “Non siamo contrari all’istituzione della tassa di soggiorno turistica, ma ci asteniamo perchè siamo contrari all’uso che questa Amministrazione potrà fare di queste risorse finanziarie”. Sull’approvazione del nuovo capitolato d’appalto della NU la maggioranza ha accolto alcuni rilievi della minoranza per migliorare le condizioni contrattuali a vantaggio dell’Ente e ottimizzaare il servizio per cui alla fine l’argomento è stato approvato all’unanimità dopo un’interruzione che ha permesso la rielaborazione di una parte dell’articolato. La pausa ha determinato l’allontanamento dall’aula di alcuni Consiglieri che con l’assenza del vice sindaco Pietro Gnarra (che ha dovuto effettuare un urgente servizio di assistenza sanitaria che gli ha impedito di partecipare ai lavori) ha fatto venire meno, all’atto della votazione, il numero legale poichè la minoranza, nonostante fosse stato recepito un emendamento proposto sul regolamento delle sponsorizzazioni, si è allontanata dall’aula per cui se ne parlerà nel primo consiglio del 2012. In apertura dei lavori l’assessore Giuseppe Gargiulo ha risposto all’interrogazione presentata dai consiglieri di opposizione sul servizio stampa del Comune dando lettura di un’articolata relazione predisposta dall’ufficio competente diretto dalla funzionaria Anna Granata.