Sorrento, il PD chiede trasparenza sui contributi comunali

Stampa

Sorrento

SORRENTO – Il Partito Democratico guidato dall’avv. Giuliano De Luca attacca l’Amministrazione Comunale sulla concessione di contributi in favore di Associazioni ed Enti invicando maggiore trasparenza. “Si tratta di circa 260mila euro in quattro anni: questa è l’entità delle somme elargite dal Comune di Sorrento ad associazioni ed enti. Una cifra consistente di fronte alla quale ciascun cittadino/contribuente ha diritto di porsi degli interrogativi. E proprio su sollecitazione di alcuni cittadini di Sorrento il Partito Democratico sin dal 2010 continua a battersi affinché la concessione di contributi avvenga nella massima trasparenza“.Non è assolutamente intenzione di nessuno “chiudere i rubinetti” nei confronti delle associazioni – continua De Luca – Anzi proprio perché si ritiene estremamente utile il ruolo svolto dall’associazionismo si sta insistendo affinché tutte le associazioni possano accedere in modo paritario ad eventuali contributi comunali.  Il Partito Democratico, infatti, oltre a sollecitare l’adozione di un apposito regolamento comunale per la concessione di contributi (regolamento approvato di recente), chiede di conoscere quali sono stati fino ad oggi i criteri adottati a cui si è attenuto il Comune per la concessione di benefici economici ed in che modo i soggetti beneficiari abbiano presentato apposita rendicontazione relativamente alle somme ricevute. Attualmente  i Sorrentini, grazie alle nostre interrogazioni sanno “soltanto” che sono stati elargiti 260mila euro in 4 anni, mi sembra poco. A nostro avviso ogni cittadino ha diritto di sapere a chi sono stati concessi i contributi e soprattutto come sono stati spesi“. Alle critiche di De Luca si aggiungono quelle del consigliere comunale Alessando Schisano del PD che precisa: “Agire nella massima trasparenza comporta benefici per tutti, per i cittadini che possono sempre avere piena contezza sulla destinazione dei contributi, per le Associazioni in quanto possono, tramite rendicontazione, dimostrare di aver lavorato in modo efficiente ed efficace, e per l’Amministrazione Comunale che può in tal modo evitare un cattivo impiego di denaro pubblico, concentrandosi solo sulle attività che producono reali benefici alla collettività“.