In tanti alla cerimonia in onore di Antonino Pane al Comune di Sorrento

Stampa
L’intervento del Sen. Raffaele Lauro alla cerimonia in onore di Pane

SORRENTO – C’erano proprio tutti i colleghi de Il Mattino e quelli di altre testate giornalistiche a salutare Antonino Pane nella cerimonia organizzata dal Comune di Sorrento, dal Sen. Raffaele Lauro e dal braccio destro dell’ex redattaore capo del più importante quotidiano del Sud, Antonino Siniscalchi. Un momento per ricordare le tappe piùsignificative di una carriera giornalistica nata quasi per caso quando Pane era giovane studente universitario di giurisprudenza e firmò sulla prima pagina del quotidiano un servizio dedicato al cattivo funzionamento del depuratore di Sorrento all’epoca di Achille Lauro sindaco che, offeso dal servizio di Pane, propose al consiglio comunale, che respinse, di togliergli la cittadiananza perchè aveva leso all’immagine della città. E’ lo stesso Tonino a ripercorrere la sua carriera e a ricordare la squadra di cronisti da lui creata in tutti questi anni. Il Sen. Lauro ha raccontato alcuni dei momenti più significati del loro rapporto e dell’impegno professionale nel settore dell’informazione che hanno dato l’onore a Sorrento di avere un proprio concittadino alla guida della testata più importante del mezzogiorno a fianco di prestigiosi direttori. Un ricordo con costanti richiami all’attualità, al toccante ricordo di Giancarlo Siani e alla sua tragedia umana e professionale. Insomma un incontro familiare toccante e commovente per lo stesso Tonino che è stato letteralmente “abbracciato” con affetto sincero da tutti gli amici e dalle autorità che in 40 anni di mestiere ne hanno saputo apprezzare le doti umani oltre a quelle professionali di “grande mediatore” sempre attento a salvaguardare il buon nome di Sorrento e della Penisola. Sicuramente una storia onorevole che non mancherà di dare altri frutti perchè  Tonino, quantunque in pensione, non mancherà di far sentire la sua presenza e il suo valore in qualche nuova avventura editoriale. Grazie per tutto quello che hai fatto per Sorrento e per il giornalismo, caro Tonino. (ViC)