Cuomo, dal 2012 in Penisola Sorrentina applicheremo la tassa di soggiorno turistica

Stampa

SORRENTO – Dall’anno venturo in Penisola Sorrentina i turisti dovranno pagare la “tassa di soggiorno” introdotta dal Governo nell’ultima legge di bilancio per supportare gli enti locali sempre più a deficit di risorse trasferite dallo Stato.

Giuseppe Cuomo

L’argomento è stato oggetto di un’approfondita analisi da parte delle Amministrazioni locali che si sono confrontate anche con le Associazioni di categoria e con il mondo imprenditoriale allo scopo di adottare un provvedimento che non pregiudicasse la stagione in corso e che non incidesse sulla prossima con una forza deterrente in grado di aggravare ulteriormente le difficoltà del settore. Alla fine è venuto il disco verde all’applicazione della tassa a partire dal 2012 nel corso dell’ultima riunione dei sindaci dei sei comuni della costiera sorrentina e comunicato oggi alle associazioni di categoria attraverso una lettera firmata dal primo cittadino di Sorrento, Giuseppe Cuomo.  Per gli alberghi fino a 3 stelle, campeggi e ostelli il tributo è quantificato in 1 euro al giorno, 1,50 per gli hotel a 4 stelle e strutture extra-alberghiere e di 2 euro per alberghi a 5 stelle. La tassa di soggiorno sarà applicata nel periodo compreso tra il primo aprile e il 31 ottobre, non sarà dovuta per soggiorni superiori a sette giorni consecutivi e non sarà applicata agli under 18. “Il prossimo step sarà la discussione della proposta nei singoli consigli comunali – spiega CuomoUna volta approvata, ogni ente locale potrà investire i relativi proventi sia in azioni ed attività di promozione territoriale che nella manutenzione dell’arredo urbano, importante biglietto da visita per ogni località turistica“.