Lauro, ora aboliamo gli ordini professionali!

Stampa

ROMA – Ordini Professionali. Lauro (PdL): Abolire la rendita monopolistica degli ordini professionali significa liberare energie per un nuovo sviluppo economico del nostro Paese: 11 punti di PIL in pochi anni, di cui ben 5 nei primi tre anni (Banca d’Italia). Con un disegno di legge costituzionale, che prevede espressamente la soppressione, dall’art. 33 della Costituzione, dell’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio professionale, presentato stamane in aula al Senato, il sen. Raffaele Lauro (PdL), membro della commissione affari costituzionali, affronta il problema dell’abolizione di tutti gli ordini professionali dal nostro ordinamento giuridico. “Questa è la prima e la più importante – ha dichiarato Lauro – delle riforme liberali da realizzare, al più presto, nel nostro Paese, se vogliamo liberare energie per un nuovo sviluppo economico. Gli ordini professionali si sono trasformati in corporazioni, che hanno il solo scopo di difendere ed amministrare privilegi acquisiti, cioè costi aggiuntivi per i cittadini e  mediocre qualità dei servizi. La Banca d’Italia ha stimato l’entità della rendita monopolistica degli ordini, che ostacola una vera concorrenza, nella misura di unici punti di PIL in pochi anni, di cui ben cinque nei primi tre anni.”